Torre Annunziata. Operai in fuga la mattina del crollo: “Gli inquilini non parlano”

Ennesimo giallo sul crollo della palazzina di Rampa Nunziante a Torre Annunziata. Come riporta ilmattino.it, qualche testimone avrebbe raccontato di aver visto degli operai scappare a bordo di un furgone la mattina della tragedia.

Erano uomini che stavano lavorando da settimane in quella palazzina e il giorno del crollo, secondo testimoni, arrivarono poco dopo le 6.30, salvandosi e poi mettendosi in fuga.

La città ha reagito con serietà – ha detto il procuratore Alessandro Pennasilico – ma nessuno si è fatto ancora avanti per dire ciò che sa. Imprese al lavoro, operai assoldati. Tra gli stessi inquilini di quel palazzo c’era chi aveva paura ma non ha mai denunciato nulla né al momento ha ancora svelato ciò che ha visto o sentito“.

Per il momento sono dodici gli indagati per il crollo, altri “avvisi” potrebbero essere emessi nella giornata di domani. Secondo quanto riporta ilmattino.it, si starebbero ancora cercando i titolari delle ditte che conducevano i lavori al primo e secondo piano, pare che il lavoro sia stata affidato a personale straniero e a nero e che al comune di Torre Annunziata non sia stata presentata alcuna comunicazione dei lavori. Ma l’uso del condizionale è d’obbligo in questa delicatissima fase d’indagini.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più