Mariarca, uccisa dall’ex: “Non lo denunciò perché minacciava di uccidere i figli”

Non c’è pace per la famiglia di Maria Archetta Mennella, la 38enne di Torre del Greco uccisa in provincia di Venezia, dal suo ex marito. L’uomo non ha mai accettato che la donna si stesse rifacendo una vita, e all’alba di domenica scorsa l’ha assassinata nel suo appartamento. “Nessuno ha il diritto di spezzare le ali a un’altra persona”, dice tra le lacrime Anna, una delle sorelle di Mariarca (così la chiamavano tutti).

Ai microfoni de Il Mattino, i familiari della vittima (in questo caso la sorella Anna) raccontano per la prima volta alcuni particolari del rapporto tra Mariarca e il suo carnefice: “Le aveva già messo le mani addosso, persino intimorita con un coltello, e lei non aveva mai avuto il coraggio di denunciarlo perché lui minacciava di uccidere i bambini. Cosa poteva fare, cosa può fare una mamma di fronte a una minaccia del genere? Mariarca era una persona piena di vita, sempre ottimista e propositiva, nonostante i problemi che investivano e investono la nostra famiglia, come tutte le famiglie. Noi siamo molto uniti, tutti. Ma tra me e lei c’era un feeling particolare. E lei con me non si è mai lamentata dei suoi problemi. Era partita per Venezia per offrire una vita dignitosa ai suoi figli, lontano da lui che era un fallito, un frustrato. Uno che, nonostante lei gli avesse detto più volte che era finita, che non ne voleva più sapere, continuava ad essere possessivo e geloso”.

Una tragedia grande, un’altra donna che paga con la morte le conseguenze di un amore malato.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più