“Decreto Sud” è legge: fino a 200.000 euro per i giovani imprenditori

Dopo il voto favorevole di entrambe le camere ed i quindici giorni di rito previsti, il “Decreto Sud”, come è stato denominato, è divenuto legge dello Stato.  Il decreto introduce agevolazioni nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. In particolare, si prevede un finanziamento fino a 1.250 milioni di euro dedicati ai nuovi giovani imprenditori under 35, con la misura “Resto al Sud” e 50 milioni di euro per favorire gli imprenditori agricoli under 40.

Sono previsti, inoltre, circa 200 milioni di euro per le Zone Economiche Speciali (ZES); 40 milioni di euro per favorire le politiche attive del lavoro nel Mezzogiorno e 150 milioni di euro per il sostegno amministrativo agli enti locali. Il Governo ha inteso poi dedicare una specifica misura ai giovani meridionali, denominata “Resto al sud”, per offrire a chi ha buone idee imprenditoriali – si legge in una nota di accompagnamento – gli strumenti per costruire il proprio futuro.

Ognuno di questi giovani, che non dispone di mezzi propri per avviare una sua attività, avrà a disposizione una potenziale dotazione di 50.000 euro (estensibile fino a 200 mila euro, nel caso di un progetto presentato da 5 giovani imprenditori), di cui il 35% a fondo perduto ed il restante 65% con un prestito a tasso zero. Sono previste, inoltre, azioni di accompagnamento da parte di enti pubblici, Università ed associazioni del terzo settore, a supporto di questo processo di crescita.

Altro tema spinoso, quello delle misure per il contrasto degli incendi dolosi, è contenuto nell’articolo 9 bis che tra l’altro modifica la legge quadro in materia con una verifica, tramite il prefetto e la procura della repubblica, dei contratti di affitto stipulati per quei terreni distrutti dagli incendi nei due anni successivi. Salta il vincolo dei 15 anni (in merito al cambio della destinazione d’uso) per i beni incendiati nel caso in cui i proprietari vittime di estorsioni accertate siano stati parte attiva nelle denunce.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più