Eclettico, lo stile senza regole per arredare con la massima fantasia

Anche questa settimana torniamo a parlare di un nuovo tipo di arredamento, lo stile eclettico. E nel farlo, abbiamo intervistato Domenico Moscatiello, esperto del settore interior e CEO di Ristrutturazione Garantita, azienda che si occupa esclusivamente della realizzazione di interni.

Lo stile eclettico trova la sua forza nella diversità. Sfugge all’ordinario e predilige miscelare insieme tinte, arredi e colori apparentemente contrastanti per creare qualcosa di unico. Lo stile eclettico permette infatti di realizzare composizioni armoniche che non possono fare a meno di coinvolgere lo sguardo.

Nato nell’Inghilterra vittoriana – spiega Domenico Moscatiello – ben presto si sviluppò attivamente a partire dall’800, epoca in cui si cominciò a realizzare e ristrutturare le prime abitazioni in stile eclettico. Impossibile non citare un edificio su tutti, Villa Blanc“.

La villa venne realizzata a Roma nel ‘700 e ristrutturata nel secolo successivo dall’architetto Giacomo Bosi. La struttura fu resa unica attraverso la sperimentazione di nuovi metodi per la lavorazione di materiali tradizionali.
Per la realizzazione della struttura – spiega Domenico Moscatiello – furono impiegati il ferro, il legno, la ceramica ed il cuoio. I medesimi materiali furono impiegati per le decorazioni, combinando un uso innovativo e tecniche tradizionali. Lo stile eclettico, infatti, permette di liberare letteralmente la propria fantasia“.

Fantasia, ma anche libertà. Lo stile eclettico non conosce vincoli ben precisi. Infatti, rispetto agli altri stili di cui vi abbiamo finora parlato, l’eclettico concede la piena libertà di utilizzo di oggetti e componenti. “Ma attenzione – avverte l’esperto – libertà non significa rendere la propria casa un’accozzaglia di oggetti. Il caos rende solo fine a sé stesso“.

Via libera dunque alla fantasia e al buon gusto. Mobili roccocò, tavoli in vetro, sedie in plexiglass, credenze antiche, pezzi di antiquariato, luci retrò e oggetti vintage. Per arredare una casa in questo stile sarebbe utile affidarsi ad un interior designer o quanto meno a riviste specializzate per non incorrere nel kitsch creando inoltre un disordine visivo.

Una casa arredata in stile eclettico deve mostrare personalità ed omogeneità. E’ uno stile che bisognerebbe provare almeno una volta. Come detto, non esistono regole precise da seguire. Possiamo creare combinazioni vincenti unendo stili ed epoche diverse. Elemento imprescindibile è dunque la diversità, dei colori e degli stili. Una cassettiera antica in legno verrà dunque accostata ad un elemento più moderno, leggero, creando così un equilibrio tra le parti.

L’effetto finale – spiega l’esperto – dipende dalla sensibilità, dalla classe e dalla fantasia di chi arreda casa“. Non mancano però alcuni piccoli suggerimenti da tenere bene a mente quando si vuole arredare in stile eclettico: “È necessario che i colori di contorno delle pareti e dei pavimenti non siano considerati ulteriori oggetti di contrasto” spiega l’esperto.

Per questo consiglio l’uso del bianco, il cipria, il beige ed il giallo paglierino perché adatti sia alle pareti che ai pavimenti. Le pareti tenui faranno dunque da scenario alla moltitudine di linee e di colori negli ambienti. Forme irregolari e squadrate si alternano ad altre sinuose. La vera essenza di questo stile – conclude Domenico Moscatiello – risiede nel trovare il giusto equilibrio tra passato e presente“.

Se volete conoscere in maniera più approfondita l’azienda Ristrutturazione Garantita, azienda specializzata nella realizzazione di interni, ed il CEO Domenico Moscatiello, vi rimandiamo ai seguenti contatti.

Sito Web  

Pagina Facebook

Canale Youtube

 

Se volete info sul CEO, Domenico Moscatiello, questi i suoi riferimenti:

Libro “Ristrutturare è un incubo – Se non sai come farlo”

Pagina FB

Profilo Instagram

Potrebbe anche interessarti