Terremoto a Ischia, i funerali delle vittime Lina e Marilena: “Non è colpa dell’abusivismo”

E’ il giorno del dolore, del lutto, dell’ultimo saluto, dell’addio alle vittime. Dalle 18 si sono i funerali di Lina Balestrieri e di Marilena Romanini, morte nel terremoto di Ischia: la funzione è stata celebrata al palazzetto dello sport Federica Taglialatela dal vescovo di Ischia, monsignor Pietro Lagnese. Presenti amici, parenti e amici delle vittime, oltre a sindaci, istituzioni e amministratori locali. C’erano anche il Ministro dell’Interno Marco Minniti e il governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca.

Monsignor Pietro Lagnese ha detto che “l’abusivismo non è la vera causa dei crolli” e ha chiesto a tutti di “restare vicini a Ischia e al popolo ischitano”.

Lina Balestrieri, 59 anni, aveva due figli e un marito mentre Marilena Romanini aveva una figlia: per lei ci sarà un secondo funerale nei prossimi giorni a Civitanova Marche, dove la salma verrà trasportata per volere della figlia.

Intanto l’Ingv, l’istituto nazionale di fisica e vulcanologia, ha effettuato “una rilocalizzazione degli eventi della sequenza in atto all’Isola d’Ischia utilizzando un modello di velocità rivisto. Ecco la mappa con le nuove localizzazioni e la tabella l’aggiornamento degli eventi sismici registrati”.

Potrebbe anche interessarti