Ispettori al Loreto Mare per la morte di Antonio Scafuri: “Troppe inadempienze”

Ai funerali di Antonio Scafuri amici e parenti avevano chiesto giustizia. E ora sembra essere arrivata. Prime risposte da parte degli ispettori inviati dal ministro della salute Beatrice Lorenzin all’ospedale Loreto Mare dove è morto il 23enne di Torre del Greco, deceduto in pronto soccorso mentre attendeva una angiotac, per le conseguenze di un incidente in moto.

Secondo quanto anticipato dal quotidiano Il Mattino, gli ispettori avrebbero riscontrato la mancata definitiva approvazione dell’atto aziendale della Asl Napoli 1, necessario al ridisegno dell’assetto dei servizi e alla funzionale articolazione delle Unità operative semplici e complesse (affidate e dirigenti e primari).

Trovati anche bassi standard ospedalieri (definiti dal decreto Balduzzi numero 70 del 2015) sul fronte di personale, medici, infermieri e distribuzione di unità lavorative in base ai bacini di utenza, ai carichi di lavoro e alle funzioni ospedaliere da assicurare all’utenza. Infine al Loreto Mare ci sarebbe l’assenza di un centro di riferimento ortopedico che funga da trauma center in almeno uno degli ospedali della Asl Napoli 1 in cui concentrare competenze e tecnologie in attesa che decolli la rete regionale per i traumi.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più