Camorra. 27 omicidi e bombe a mano nella faida di Scampia: arrestate 8 persone

Otto persone sono state arrestate a Scampia per la faida di camorra tra i clan della Vanella Grassi e gli Abete-Abbinante-Notturno, che causò 27 omicidi in pochi mesi nel 2012. Le forze dell’ordine sono riuscite, infatti, a scoprire gli autori e i mandanti di due degli omicidi, arrestando 8 persone.

Entrambe le organizzazioni criminali erano attive nelle piazze di spaccio di Scampia, entrando in conflitto per la getione del lotto G, un insediamento di edilizia popolare all’epoca sotto il controllo della Vanella Grassi.

Le indagini hanno anche messo in luce due episodi inquietanti: il lancio di alcune bombe a mano da parte degli Abete Abbinante Notturno, il 15 dicembre 2012. Il primo ordigno fu lanciato in un cortile delle “case celesti”, insediamento popolare al confine con Secondigliano, e non esplose per un malfunzionamento; il secondo venne lanciato poco dopo nel cortile del Lotto G e causò il ferimento di due minorenni e il danneggiamento di 9 auto.

Queste azioni, secondo i Carabinieri, servivano per mostrare agli avversari la propria “superiorità” militare, ma sortirono l’effetto contrario: il lancio della bomba in pieno giorno sfirò la strage, tanto da decretare la sconfitta del clan per mancato appoggio tra la gente di Scampia.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più