Reddito di cittadinanza: l’assalto ai Caf è una fake news? Cosa è vero e cosa no

Dopo le Elezioni Politiche e il risultato esaltante del Movimento 5 Stelle, molti elettori penta stellati, pugliesi, si sarebbero recati presso i Caf per richiedere il modulo per il tanto “agoniato” reddito di cittadinanza. Sarà vero o sarà falso?

A fare chiarezza sono gli stessi 5 Stelle sul proprio blog, spiegando che le notizie circolate ieri sono apparse esagerate a solo quattro giorni dal voto, visto che ancora non c’è stato l’insediamento del nuovo Governo.

I grillini, inoltre, raccontano di come siano andati loro stessi a verificare la situazione, recandosi a “Porta Futuro“, ma neanche l’ombra dell’assalto ai Caf denunciato dai più. Infatti, alcuni addetti, avrebbero ammesso che la notizia ha lasciato di stucco anche loro perché non hanno visto “quasi nessuno“.

La cosa è stata confermata anche dal direttore Franco Lacarra (fratello di un candidato PD) che ha negato l’assalto proposto dai tanti articoli di giornale, ma ci sono state solo alcune persone che sono andate a chiedere informazioni generiche sul reddito di cittadinanza.

Pertanto il direttore ha chiesto al suo ufficio comunicazione di pubblicare una smentita sul canale Facebook di Porta Futura che è possibile leggere cliccando qui.

Pochi minuti dopo la pubblicazione della smentita, il direttore è stato contattato dallo staff del sindaco Antonio Decaro (del Partito Democratico), chiedendo spiegazioni in merito alla cosa.

Intanto, sul posto, sono arrivati anche giornalisti Rai e di Repubblica, sempre per lo stesso motivo: verificare effettivamente se quella notizia girata ieri fosse una fake news, un attacco al primo partito d’Italia.

Potrebbe anche interessarti