Vergogna al Pronto Soccorso: rompono naso a infermiere e aggrediscono medico

Un medico e due infermieri sono stati aggrediti, la notte scorsa, al pronto soccorso della Clinica dei Fiori ad Acerra, da un gruppo di due donne e quattro uomini. A riportarlo è Il Mattino che spiega come episodi simili si siano già verificati nei giorni scorsi: infatti, l’aggressione è la terza in tre giorni.

Uno dei due infermieri, colpito con una testata in pieno volto, ha riportato la frattura del setto nasale, mentre per il secondo diverse escoriazioni così come per il medico verso il quale è stato anche lanciato un cellulare. A porre fine all’aggressione le forze dell’ordine, intervenute perchè allertate dagli altri operatori sanitari.

Alla base del gesto ci sarebbe il rifiuto dello staff medico, impegnato in altri interventi, di voler assistere subito un quattordicenne, arrivato al pronto soccorso in codice verde. Da qui è nata una discussione che poi si è trasformata in rissa, che ha inficiato, ovviamente per il trambusto, anche sul servizio agli altri pazienti.

Amareggiato il manager della struttura sanitaria, Francesco Ciccarelli: “La gente deve capire che qui si fa un lavoro molto delicato e dovrebbe avere un maggior senso civico. Questo per noi è un periodaccio. Abbiamo chiesto più volte che il pronto soccorso fosse dotato di un presidio fisso di forze dell’ordine, ma non ci è stato mai concesso“.

Come detto, altri due episodi del genere si sono verificati in pochi giorni: domenica, quando un medico del reparto di Medicina è stato aggredito per futili motivi, e lunedì, quando un medico e un infermiere sono stati picchiati sempre al pronto soccorso.

Potrebbe anche interessarti