Video. Clinica Pineta Grande: la migliore in Italia per la cura dell’obesità

Da lunedì 7 maggio 2018, partirà un nuovo programma sul canale Real Time dal titolo “La Clinica per Rinascere – Obesity Center Caserta”. Il programma racconterà le storie di persone in sovrappeso che hanno voglia e necessità di dimagrire per poter condurre una vita normale e in salute. Il programma racconta anche di un’eccellenza del Sud, infatti è interamente girato presso la Clinica Pineta Grande di Caserta, centro di eccellenza per la cura e la chirurgia Bariatrica. Responsabile dell’Obesità Center di Caserta è il Dr. Cristiano Giardiello.

Il Centro per il trattamento dell’Obesità della struttura Pineta Grande Hospital è un polo di eccellenza nel trattamento dei problemi legati all’eccesso di peso; mette a disposizione le risorse mediche e chirurgiche più innovative per curare i casi di obesità grave e ridurre così l’impatto della patologia. Il Centro si è affermato come risorsa d’eccellenza nell’ambito degli interventi di chirurgia bariatrica. Presso il Centro sono eseguiti tutti gli interventi in laparoscopia e chirurgia mininvasiva ed endoscopica, come il posizionamento del palloncino intragastrico. Nei casi meno gravi l’approccio è meno aggressivo ed è basato su interventi di fisioterapia, supporto psicologico, consulenza dietistica e nutrizionale.Un approccio a 360 gradi ai problemi dell’obesità e del sovrappeso.

Il Centro è in grado di assicurare un approccio multidisciplinare al trattamento dell’obesità lungo tutto il percorso di cura: i pazienti sono assistiti da un’équipe interdisciplinare dedicata, di cui fanno parte il chirurgo bariatrico, una nutrizionista/dietista, uno psichiatra/psicologo, insieme ad anestesista, endoscopista, chirurgo plastico, cardiologo, pneumologo, fisiatra. Grazie alla pluralità delle competenze scientifiche e tecniche, il team si fa carico di tutte le fasi terapeutiche: selezione dei pazienti, scelta dell’intervento, fase perioperatoria, assistenza postoperatoria, gestione delle eventuali complicanze, follow-up programmati. La scelta dell’intervento più adatto per ogni paziente è decisa sulla base della valutazione del team multidisciplinare. La strategia migliore per ciascun paziente viene messa a punto in base all’età, al sesso, all’Indice di Massa Corporea, al comportamento alimentare.

LEGGI ANCHE
Video. Casalinga napoletana vip: "Posso vivere solo a Posillipo, dove c'è gente giusta "

Il Centro per il trattamento dell’Obesità è all’avanguardia non soltanto per le tecniche mininvasive, che oggi rappresentano il gold standard nel trattamento bariatrico dell’obesità, ma anche per l’assistenza ai pazienti: il Centro può avvalersi delle altre eccellenze presenti nel Presidio, come la Cardiochirurgia e l’Ortopedia, divisioni strettamente coinvolte nella patologia. Il centro è attrezzato con:
– letti di degenza specifici, a movimentazione elettrica e con una portata di 300 chili;
– una sala operatoria dedicata, con un’attrezzatura laparoscopica specifica;
– un supporto di rianimazione con 8 posti letto per gestire le emergenze;

La Chirurgia barbarica mininvasiva
Nell’ambito delle possibilità terapeutiche dell’obesità grave, quando l’approccio conservativo (cioè l’insieme di dieta, farmaci, supporto psicologico e modifiche dello stile di vita) fallisce, la chirurgia rappresenta la cura che consente di ottenere risultati duraturi nel tempo. Non tutti i soggetti obesi possono essere operati: vi sono dei limiti di età (tranne casi particolari dai 18 ai 65 anni) ed esistono delle controindicazioni assolute (psicosi, alcolismo, bulimia nervosa). Le tecniche a disposizione sono riconducibili a diversi meccanismi d’azione: il restrittivo puro, che obbliga la persona operata a limitare la quantità di cibo, il restrittivo ormonale, che aiuta il paziente a controllare la quantità di alimenti assunti riducendo il senso di fame e procurando sazietà precoce, e il malassorbitivo, che riduce l’assorbimento degli alimenti ingeriti. Per tutte queste tecniche si utilizza un approccio mini invasivo videolaparoscopico che assicura minori tempi operatori e di degenza ed una ripresa alla normalità più rapida con cicatrici ridotte. In Pineta Grande si eseguono quindi i seguenti interventi: palloncino endogastrico, bendaggio gastrico regolabile, sleeve gastrectomy, by-pass gastrico, diversione bilio-pancreatica.

LEGGI ANCHE
Pineta Grande, primo ospedale del Sud a effettuare una colonscopia robotica indolore

In particolare vengono trattate in laparoscopia patologie quali:
– Calcolosi della colecisti e delle vie biliari
– Reflusso gastro esofageo, ernia iatale ed acalasia
– Patologie benigne dello stomaco
– Tumori del colon e del retto
– Patologie del rene e surrene
– Malattie della milza
– Ernie inguinali, ombelicali e laparoceli

Ed in urgenza:
– Appendiciti
– Peritoniti da perforazione per ulcera o diverticoli
– Occlusioni intestinali

Inoltre vengono eseguite laparotomie per:
– Tumori dello stomaco
– Tumori del pancreas

Per le prestazioni della patologia traumatica, il Trauma Center è parte integrante del sistema SIAT (Sistema Integrato Assistenza Trauma sec. il D.M. del 2004) ed è quindi integrato con il macrosistema regionale 118, con il Pronto Soccorso, il servizio di Rianimazione e Terapia Intensiva, i servizi diagnostici (Laboratorio, Radiologia), con il Centro Trasfusionale e le U.O. Specialistiche di Neurochirurghia, Ortopedia e Traumatologia, Cardiochirurgia, Chirurgia Toracica, Chirurgia Vascolare e Chirurgia Maxillo-facciale.

LEGGI ANCHE
Video. Stefano De Martino racconta il suo passato a Torre Annunziata: quando vederlo

Ogni traumatizzato maggiore, dopo l’allertamento da parte del 118, viene preso in carico dal Trauma Team, a responsabilità chirurgica, al quale partecipano tutti gli specialisti. Dopo una fase di valutazione primaria nell’Emergency Room e dopo la stabilizzazione dei parametri vitali, il paziente viene ricoverato a seconda delle condizioni in Rianimazione, in Chirurgia d’Urgenza, nei Reparti Specialistici di competenza o avviato in Sala Operatoria. Nell’ Unità di Chirurgia Generale vengono attuate tutte le moderne procedure di monitoraggio del traumatizzato relative al trattamento non operativo, (T.N.O.) ed a quello chirurgico secondo la moderna filosofia di controllo del danno chirurgico (Procedura di Surgical Damage Control).

Sito web: Pianetagrande.it
Pagina facebook

Potrebbe anche interessarti