Record per Alfonsino: la rivoluzione campana nelle consegne

Napoli – È record la campagna di Equity Crowdfunding su 200Crowd.com per Alfonsino, il primo chatbot al mondo di food delivery. Nel giorno del lancio ha quasi raggiunto l’obiettivo, totalizzando 64.000 euro a fronte degli 80.000 richiesti. La
possibilità di investire sarà aperta a tutti a partire da una quota minima di 500 Euro.

L’acquisizione del cliente, e la successiva interazione, avviene esclusivamente via chatbot di Facebook Messenger: non c’è bisogno di scaricare nessuna applicazione. Con un transato di 600.000 euro in soli 18 mesi e più di 22.000 ordini, Alfonsino è una realtà destinata a crescere, attaccando una nicchia di mercato oggi completamente scoperta dai big del food delivery: i piccoli centri urbani.

La strategia di Alfonsino è infatti ottimizzata per scalare nei centri urbani con una dimensione compresa tra i 70.000 ed i 300.000 abitanti. Grazie all’esperienza maturata, Alfonsino ha constatato che questi piccoli centri sono in grado di sviluppare fatturati importanti e allo stesso tempo, vista la poca concorrenza (quasi inesistente), consentono di avere margini molto più alti. In queste località target anche gli investimenti in marketing sono fortemente ridotti.

“Con dei budget mensili contenuti, riusciamo infatti a portare a “regime” un centro in poco meno di 3 mesi. Una volta “attivato il centro”, grazie alla nostra politica di fidelizzazione (BtoB-BtoC), Alfonsino diventa un punto di riferimento difficilmente sostituibile dalla concorrenza. Il mondo dei chatbot è in fortissima espansione, ma personalmente non la vedo solo come una leva per migliorare l’esperienza del cliente, sono fortemente convinto che sostituiranno la maggior parte delle applicazioni mobile a breve termine” commenta Matteo Masserdotti, Amministratore Delegato di Two Hundred.

“Sappiamo benissimo che la maggior tempo l’utente lo passa in solamente tre o quattro applicazioni, allora perché continuare a svilupparne delle nuove, quando queste mettono a disposizione le loro piattaforme per sviluppare servizi?” conclude Matteo. Dopo aver validato il business model ed aver effettuato oltre 22.000 ordini, gli obiettivi di crescita per il 2019 parlano di una crescita in oltre 80 comuni superando i 100.000 ordini.

Potrebbe anche interessarti