Allerta Isis, il gip: “A Napoli c’è il rischio di un attentato imminente”

A Napoli c’è il rischio di un attentato imminente. Lo ha detto il gip Isabella Iaselli nell’ordinanza con cui ha convalidato il fermo dell’immigrato Alagie Touray, il 22enne gambiano arrestato pochi giorni fa per terrorismo. A proposito del mancato attentato del giovane – che aveva diffuso in rete un video nel quale giurava fedeltà al Califfato – il gip scrive che tale azione “comporta il pericolo del compimento di un atto terroristico nella zona napoletana quale attuale e imminente“.

Touray deve restare in carcere, si legge ancora nell’ordinanza, perché “deve considerarsi la natura permanente del reato — in presenza di un circuito terroristico operativo anche nella zona napoletana — e la accertata disponibilità a compiere azioni di natura stragista (quali quelle realizzate in altri Paesi europei tra cui la Germania, la Spagna, la Francia) rivolte verso una moltitudine indiscriminata di soggetti con l’accettazione del martirio per l’autore dei gesti, anche in vista degli aiuti economici alla famiglia“.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più