Chi è Sergio Mattarella: dal Mattarellum al fratello ucciso dalla mafia. La storia

Dal 4 marzo scorso l’Italia si è ritrovata in una grave crisi politica, la più profonda della sua storia. Dopo settimane di trattative per la formazione di un governo tra Lega e Movimento 5 Stelle, ieri pomeriggio è saltato tutto. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha posto il suo vesto su Paolo Savona, nome scelto dai due partiti di maggioranza come Ministro dell’Economia.

Nelle ultime ore si è discusso, inevitabilmente, sulla scelta fatta da Mattarella. C’è chi l’ha giustificata, ricordando i poteri decisionali del Presidente previsti dalla Costituzione. Altri, invece, hanno duramente attaccato Mattarella, al punto da ipotizzare una richiesta di impeachment nei suoi confronti. Insomma, è evidente che l’attuale Presidente della Repubblica sia finito, volente o nolente, al centro del dibattito politico italiano. Ma qual è la sua storia?

Nato a Palermo il 23 luglio del 1941, Mattarella ha percorso un cursus honorum che lo ha portato, nel febbraio 2015, a raggiungere la più alta carica dello Stato, durante l’allora governo Renzi. Appartenente alla Democrazia Cristiana, Mattarella ha ricoperto diversi ruoli in Parlamento, prima come Ministro della Pubblica Istruzione nel 1989, poi nel 1999 come Ministro della difesa, ruolo che ha ricoperto fino al 2001.

È a lui che si deve una delle tante leggi elettorali della Repubblica Italiana, il cosiddetto Mattarellum – attuato in seguito al referendum del 18 aprile 1993 – che introdusse in Italia, per l’elezione di Camera e Senato, un nuovo sistema elettorale. Il Mattarellum fu impiegato nelle elezioni politiche del 1994, 1996 e 2001.

La sua vita privata fu caratterizzata dalla morte del fratello Piersanti, ucciso dalla mafia nel 1980. Si trovava in via della Libertà, a Palermo, quando, assieme alla moglie, i due figli e la suocera, fu raggiunto in macchina da un killer, che lo freddò a colpi di pistola.

Potrebbe anche interessarti