Ospedale Monaldi, ispezione nel reparto trapianti pediatrici: troppi bambini morti

ospedale Monaldi

Napoli – Un vero e proprio blitz all’Ospedale Monaldi di Napoli è stato condotto ieri. L’operazione è stata programmata dai vertici degli Ospedali dei Colli, dal commissario straordinario Antonio Giordano, dal sub commissario con funzioni sanitarie Maria Vittoria Montemurro, da rappresentanti della Regione Campania e coadiuvata dai Carabinieri del Nas. Il motivo per il quale è stata messa in moto questa macchina d’ ispezione è stato quello di accertare diverse criticità connesse ai trapianti pediatrici.

Infatti c’è da aggiungere che i trapianti di cuori pediatrici è ferma dal dicembre 2016, come riferisce Il Mattino. Una sospensione scattata dopo le denunce e le segnalazioni delle associazioni dei genitori dei piccoli trapiantati. Soprattutto dopo che le percentuali di sopravvivenza erano scese a livelli bassissimi.

Ad esporsi sull’argomento durante il consiglio comunale, sono stati anche i politici del Movimento 5 stelle, forza politica a cui appartiene Giulia Grillo, ministro delle Salute. E’ stato infatti ribadito che già da tempo era stata denunciata questa situazione di stallo, soprattutto dopo i disastrosi risultati ottenuti. Infatti nell’arco di pochi anni il tasso di mortalità è praticamente aumentato in maniera inverosimile. Dai dati emerge che nel 2013, l’eccellente presidio ospedaliero registrava un tasso di sopravvivenza pari al 92, 3 %, l’anno dopo invece tutti i bambini operati sono morti tranne uno. 

Immediata è stata invece la risposta della Regione Campania, ribadendo che si metterà fine a questa tragica situazione quanto prima, assicurando che per ottobre ripartirà il nuovo reparto di trapianti al Monaldi sia per patologie connesse all’età pediatrica sia per quelle relative all’età adulta.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più