Napoli, occupazione in calo drastico: 25mila posti in meno rispetto al 2008

disoccupazioneL’occupazione cresce ma solo in alcune province: è questo il dato che emerge da una ricerca del Centro studi ImpresaLavoro, realizzata sull’elaborazione dei dati Istat. Dall’analisi si evince che nel 2017, rispetto all’anno precedente, l’occupazione è aumentata ma solo in 57 province mentre è diminuita in 48.

In Italia si è passati da 22.757.838 a 23.022.959 occupati con un aumento del +1,2%, non distribuiti in maniera uniforme. La ricerca ha preso in considerazione un totale di 99 province italiane.

Nel Mezzogiorno si distinguono quelle di Caserta (+18.857) e Napoli (+17.801) mentre nel Centro la provincia di Roma registra il maggior aumento dell’occupazione (+36.224), davanti a quelle di Firenze (+14.988) e Latina (+10.279). Tra le province maggiori vanno segnalate anche le buone performance di Treviso (+11.181), Torino (+10.382), Trento (+5.361), Cosenza (+5.287), Verona (+3.818) e Catania (+3.306).

La ricerca di ImpresaLavoro analizza anche il saldo occupazionale dal 2007 al 2017. Solo in 40 province su 99 il livello occupazionale è tornato ai livelli pre-crisi del 2007. Negli altri 59 casi il dato del 2017 risulta invece ancora inferiore rispetto a quello di 10 anni prima.

Nel Mezzogiorno abbondano semmai le province con un saldo occupazionale negativo rispetto agli anni pre-crisi. Particolarmente significativi i dati delle province di Palermo (-39.526), Barletta-Andria-Trani più Bari e Foggia (-38.607), Messina (-32.350), Cosenza (-26.849), Lecce (-25.891) e Napoli (-25.693).

Dunque, l’occupazione è si cresciuta a Napoli rispetto all’anno scorso, ma c’è un crollo di ben 26mila lavoratori rispetto al 2008, dati che confermano la situazione drammatica della Campania ma anche del Sud in generale.

Potrebbe anche interessarti