La mamma di Arturo: “Le famiglie dei suoi aggressori sono tutte legate alla camorra”

I Giovani Verdi campani, nel corso di un’Assemblea regionale, hanno ospitato Maria Luisa Iavarone, mamma di Arturo, il 17enne aggredito a Napoli lo scorso dicembre. L’incontro ha preso spunto dalla proposta di legge popolare promossa dai Verdi campani per togliere la patria potestà ai camorristi.

Nel corso del suo intervento, la donna ha ricordato l’importanza di non aver paura di esporsi e di denunciare, raccontando che il figlio, Arturo, “ha deciso di evitare il paravento quando in Tribunale s’è ritrovato davanti ai suoi aggressori perché ha voluto guardarli in volto mentre li riconosceva”.

La madre del ragazzo ha aggiunto anche che “le famiglie degli aggressori di Arturo sono tutte legate direttamente o indirettamente alla camorra. Ho chiesto di offrire un percorso educativo, con l’associazione, a un minore a rischio ma il Tribunale dei minori mi ha negato questa possibilità proprio per il processo in corso contro gli aggressori di mio figlio”.

Potrebbe anche interessarti