Salvini torna a Napoli: “Allontanati più di 140 immigrati dal Vasto”

Matteo Salvini, ministro dell’Interno, è tornato a Napoli per un nuovo Comitato sulla sicurezza e l’ordine pubblico. Il vice premier è arrivato in Prefettura verso le 9,30, ma ha rilasciato le sue prime dichiarazioni a Radio CRC.  “Lavoro con tutti i sindaci, di tutti i colori politici – ha detto Salvini sul rapporto con de Magistris – Dal sindaco di Napoli mi aspetto collaborazione, concretezza. Lo vedo parlare molto, parlare di tutto. Ma a volte non di quello che serve a Napoli. L’altra volta l’ho incontrato, è stato molto propositivo, attento, sorridente. Poi uscì dall’incontro, e cominciò a dichiarare ai giornalisti che non avevo combinato niente. Io non riesco a dire una cosa e poi il contrario tra un quarto d’ora. Spero di essere più fortunato col sindaco oggi“.

LEGGI ANCHE
De Magistris: "Nel 2023 mi candiderò alle politiche: ci metto la faccia"

Un ritorno, quello di Salvini, nella città partenopea che lo vide “trionfante” nel quartiere Vasto il 2 ottobre scorso. “In questo mese e mezzo sono stati allontanati circa 140 immigrati presenti nel quartiere Vasto; abbiamo ridotto la presenza, occorre fare ancora. Soprattutto sui controlli delle occupazioni abusive stiamo facendo passi avanti. Abbiamo cronoprogramma, con nomi e cognomi, per rimuovere abusi. Immobili da restituire alla società e alla città. Riportiamo legalità in tutti i quartieri, in tutti i palazzi.. La riduzione degli sbarchi si sta ripercuotendo in positivo con la riduzione degli immigrati, a Napoli così come in altre città“.

Infine, un pensiero sulla spinosa questione delle Catacombe di San Gennaro: “Non sapevo di essere proprietario come ministro dell’Interno di oltre 800 chiese, della cui manutenzione sono responsabile. Potrò andare a discuterne con il Vaticano: ci facciamo carico di luoghi di culto, penso si possa venire incontro a realtà del territorio che fanno tanto“. A margine del Comitato in Prefettura, Salvini incontrerà i parroci dell’area Nord di Napoli che gli indirizzarono una lettera, denunciando la totale assenza dello Stato nelle periferie partenopee.

LEGGI ANCHE
Video. Riaprono Villa e Museo Pignatelli. Le immagini dopo il restauro

Potrebbe anche interessarti