Attore offeso da un tassista milanese: “Napoletano di m…”

Nonostante quanto affermato dai media e da molti politici il razzismo nei confronti dei meridionali non è mai del tutto passato. Casi, neanche troppo sporadici, mostrano che in molte regioni esiste ancora un diffuso disprezzo che si manifesta, generalmente, con attacchi immotivati e, per questo, ancor più fastidiosi.

L’ha testimoniato oggi Andrea Renzi, un attore di teatro fieramente napoletano a Milano. L’artista ha denunciato con un post sul suo profilo Facebook un’immotivata offesa da parte di un tassista milanese: “Simpaticamente apostrofato – scrive l’attore – “napoletano di merda” da tassista a Milano. Poveretto! Povera Patria! Ho la targa. Per fortuna è scappato se no lo fracassavo e il guaio lo passavo io.”

Renzi ha poi sdrammatizzato ricordando che, paradossalmente: “tifo pure Inter!”. Oltre le parole dell’attore, però, la realtà che emerge è ben più grave: un professionista è stato offeso in mezzo alla strada da uno sconosciuto per il semplice fatto di essere nato e cresciuto a Napoli. Nel 2018, quando si discute di abbattere ogni confine, ci sono ancora persone che sfogano la loro frustrazione in questo modo.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più