Nino D’Angelo canterà in napoletano a Sanremo: il testo della canzone

Sanremo – Dal 5 al 9 febbraio 2019 tutta Italia canterà insieme al Festival di Sanremo. Secondo le dichiarazioni del direttore artistico e conduttore di questa edizione del Festival della Canzone Italiana, Claudio Baglioni, le 24 canzoni dei big in gara saranno incentrate su “L’assenza delle figure paterne, la confusione sociale, un generale interrogativo sulla direzione che stiamo prendendo. Anche nei pezzi apparentemente più leggeri si può percepire il disagio che tutti viviamo: nei testi, i dubbi vincono sulle certezze”.

Questa edizione segnerà anche il ritorno a Sanremo di Nino D’Angelo, che canterà insieme al giovane napoletano Livio Cori “Un’altra luce”. Come di consueto, una settimana prima del Festival, la rivista “TV Sorrisi e canzoni” ha pubblicato in esclusiva i testi delle canzoni in gara. Questo quello del nuovo lavoro del nostro Nino:

Je te veco accussì
Luce nel tuo sorriso
Anche quando c’è il vento contro
Quando il buio si fa profondo
Je te veco accussì
E sembra che il paradiso
Si nasconda anche in questo mondo
Dove un giorno dura un secondo
Curre ‘ngopp a nu filo senza mai cade’
Si ‘a rint tien a guerra nun o faje vedè
Pare ca l’abitudine nun fa pe te
Quando dici sti cose tu assumiglie a me
Tu assumiglie a me
Tu assomigli a me
Tu assomigli a me
Mai nessuno ha mai capito come
Scaldarmi quanto il sole
Ma tu sicuro sai illuminarmi dove
L’ombra raffredda il cuore
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedé) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè
Te posso da ogni luce ca nun tieni
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Quanno nun ce crire
Quanno nun ce crire
Je te veco accussì
Quella faccia pulita
Si è sporcata coi graffi del tempo che fugge
Che colpisce ma non ci distrugge
Je te veco accussì
Mentre passa una vita
E io non me ne accorgo perché mi ha distratto
Quell’idea di non essere adatto
‘E vote na parola ca nun vuo sentì
È a chiave e na raggione ca nun saie capì
E vote na parola te po fa vedè
O bello ca nun vide ma sta attuorno a te
Attorno a te
Attorno a te
Mai nisciuno (mai nessuno) te po arrubà nu suonno
Si tu nun ‘o raccunte
Stai sicuro (stai sicuro)
Ca si rispiette l’onne o’ mare nun t’affonna
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Te posso da ogni luce ca nun tieni (ca nun tieni)
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Pe te fa ascì a stu scur ca te ten prigiuniero
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Ma sarà sempe scuro si nun ce crire si nun ce crire
Si nun ce crire

Come possiamo notare il testo è quasi completamente in napoletano. Potrebbe essere intesa come un incoraggiamento, un invito a trovare la luce in fondo alle avversità, a non arrendersi. Forse, Nino D’Angelo ha voluto mandare un messaggio in un momento di crisi come questo a tutti quelli che sono sopraffatti dagli avvenimenti. “Un’altra luce” si può trovare sempre nella speranza, quando si guarda il mondo con una nuova prospettiva, quando non ci si lascia trasportare dalle onde, quando si crede nel bene.

Potrebbe anche interessarti