Cardito. La mamma avrebbe assistito al pestaggio: “Ho messo Giuseppe sul divano e…”

Valentina è una donna distrutta. Madre del piccolo Giuseppe, morto per le percosse inumane ricevute dal patrigno Tony, che lo ha lasciato esanime per aver rotto le sponde di un letto. Un letto che è costato la vita di un bambino. Un pensiero che rabbrividisce il sangue se si pensa che il piccolo di 7 anni è stato ucciso a suon di calci e pugni.

Se sembra chiara la dinamica dell’uccisione, ci sono ancora da chiarire alcuni dubbi su Valentina, la madre del piccolo. La donna, da quanto dichiarato dal compagno assassino sarebbe rimasta chiusa in un’ altra stanza mentre l’uomo si accaniva ai due fanciulli, uccidendo il piccolo e lasciando gravemente ferita la sorellina di 8 anni, che oggi dopo un intervento delicatissimo, sembra stare bene.

La donna non è a Cardito. Dopo la tragedia ha preferito rifugiarsi a Massa Lubrense, dove vive la madre e dove erano residenti fino allo scorso settembre. Le uniche ricostruzioni sulla vicenda che ha dato Valentina alla Polizia sono queste: “Ho preso Giuseppe e l’ho messo sul divano. Poi ho chiamato il 118. Quando tutto è finito ho chiesto di andare via, e mi hanno detto di sì e sono tornata qua”. Una dichiarazione che lascia pensare che la donna fosse lì, nelle vicinanze, probabilmente inerme e incapace di agire per salvare il figlio.

La donna attualmente non risulta indagata. Ma le indagini sono ancora in corso e oggi verrà interrogato di nuovo il patrigno Tony, mentre in Ospedale verrà eseguita l’autopsia sul piccolo Giuseppe.

 

 

Potrebbe anche interessarti