Importante scoperta nel Napoletano: dagli scavi emerge un’antica strada romana

Durante dei lavori di riqualificazione nella piazza Don Mosè Mascolo di Sant’Antonio Abate, è stato scoperto un antico asse viario ampio circa 4 metri, bordato ai due lati da blocchi di pietra calcarea. Questa strada doveva congiungere i centri antichi di Stabiae e Nuceria ed ha lo stesso orientamento dell’asse attuale che collega Castellammare di Stabia a Nocera Inferiore.

Lungo questo percorso, che metteva in comunicazione la piana interna con la costa, furono costruite ville rustiche, alcune delle quali scoperte negli ultimi tre secoli proprio a Sant’Antonio Abate, restituendo sale affrescate, scultre, ceramiche inghiottite dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.

Le indagini in corso hanno rivelato che il tratto di strada messo in luce è successivo all’eruzione, e le ricerche future permetteranno di stabilire se si tratti di un rifacimento di via Nuceria-Stabiae, realizzato subito dopo la catastrofe, o più tardi, all’epoca dell’imperatore Adriano.

La scoperta ha destato entusiasmo a Sant’Antonio Abate, con l’Amministrazione Comunale che spinge a rielaborare il progetto di sistemazione della piazza per tutelare l’evidenza archeologica.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più