Le regole diaboliche del federalismo fiscale: così lo Stato toglie risorse al Sud

Ritorniamo a parlare di Zero al Sud del giornalista napoletano Marco Esposito, che ieri è intervenuto in collegamento da Napoli a Linea Notte, su Rai Tre per pubblicizzare il suo libro, ma soprattutto le idee al suo interno.

Il conduttore Maurizio Mannoni ha introdotto con interesse quello che poi è stato l’intervento breve ma conciso del giornalista de Il Mattino. L’autore di Zero al Sud, ha parlato del suo lavoro di ricerca che lo ha portato poi, con dati alla mano, a scrivere di una questione di cui si parla da più di un secolo e mezzo, e spesso anche in modo errato: il divario tra Nord e Sud.

Il giornalista ha affermato: “Il federalismo fiscale è già stato attuato per i comuni, con regole diaboliche. Praticamente, invece di dare il livello essenziale a tutti, cioè un minimo da garantire a tutta Italia, si è stabilito che chi aveva poco era giusto che avesse poco”.

Ha riportato, poi, esempi pratici, come quello del comune di Altamura con i suoi 70.000 abitanti, 1.800 bambini e un fabbisogno di asili nido pari a zero. E ancora, un parallelismo che chiarisce, in modo più chiaro ed elementare, il grosso problema che è al centro del suo libro: due città, una del sud Reggio Calabria, una del nord Reggio Emilia, alla prima il diritto riconosciuto per gli asili nido è 90mila €, alla seconda, che è un po’ più piccola, è 9 milioni, cioè 100 volte di più.

Parla, poi, dell’assegno della solidarietà e della decisione di dimezzarlo, nonostante la Costituzione dichiari che debba essere integrale. Riportando le parole del leghista Giancarlo Giorgetti: “I dati probabilmente sarebbero scioccanti, magari ce li fate avere in modo riservato o facciamo una seduta segreta come avviene in sessione antimafia”, annullando ogni prospettiva di trasparenza ed efficienza.

Marco Esposito conclude con una frase che genera ghiaccio in studio: “Questo non è il racconto del federalismo fiscale, questa è una pagina nera della Repubblica italiana”.

Potrebbe anche interessarti