Paura sul bus a Napoli: si stacca portellone. I sindacati: “Stiamo assistendo a una lenta agonia”

immagine di repertorio

Cose che si ripetono tutti i giorni, persone che abitualmente usano gli autobus per spostarsi, per andare a lavoro o altro, ma, quello che è accaduto sulla linea 176 che percorre Portici-Ercolano ha dell’incredibile. Come riporta Il Mattino, il pullman, mentre era in marcia ha perso un pezzo del portellone che, si è staccato causando tanta paura e spavento per i passeggeri. Viaggiare in simili condizioni non è possibile in una grande metropoli come la nostra, condizioni di sicurezza ai limiti del normale.

«Stiamo assistendo a una lenta agonia verso il fallimento e la privatizzazione. Seppur necessario, ai fini del risultato atteso, nulla è stato finora fatto per potenziare l’attuale offerta di trasporto pubblico; migliorare le condizioni di viabilità, attuare un deciso contrasto all’evasione, eliminare privilegi, sacche parassitarie e il blocco di tutte le erogazioni salariali frutto di superminimi individuali», queste le parole dei sindacati del settore trasporti, che continuano dicendo: «è necessario garantire ai cittadini servizi  più efficienti, sicuri, sostenibili e di qualità e, al tempo stesso, definire condizioni adeguate di tutela per il lavoro e parità di trattamento tra tutto il personale dell’Anm».

Usb, Orsa e Faisa Confail, «chiedono di proseguire attraverso percorsi negoziali utili all’efficientamento aziendale, attraverso il riassetto industriale ed attraverso la difesa della natura pubblica, per consentire all’azienda di operare in un sistema regolato e scevro da condizionamenti, in grado di garantire ai cittadini servizi  più efficienti, sicuri, sostenibili e di qualità e, al tempo stesso, definire condizioni adeguate di tutela per il lavoro e parità di trattamento tra tutto il personale dell’Anm».

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più