Spuntano i primi roghi tossici nel Napoletano. Rischio enorme per la salute

A Napoli e Provincia l’emergenza rifiuti sembra dilagare e non arrestarsi. Con l’immobilità dei vari siti di stoccaggio e i cumuli di rifiuti che inondano il selciato, iniziano a vedersi anche i primi roghi tossici nelle campagne. La situazione quindi inizia a diventare ancora più seria, soprattutto per la salute dei cittadini.

A rendere noto il pericolo dei roghi tossici è il Consigliere Regionale dei verdi, Francesco Emilio Borrelli, assieme al portavoce del Sole che Ride in Campania, Vincenzo Peretti. Borrelli denuncia il tutto tramite la sua pagina Facebook, in un lungo post con tanto di foto di roghi allegate. In esso si legge: “Continuiamo a ricevere numerose segnalazioni circa la presenza di cumuli di immondizia lungo le strade di Napoli e provincia. Le nostre pagine social sono destinatarie di decine di messaggi, corredati da foto e video, da parte di cittadini che, a causa del caldo, denunciano la presenza di insetti e ratti in prossimità dei cumuli”.

Al di là di tali fenomeni, – continua la nota – che in ogni caso seguiamo con la massima attenzione, siamo particolarmente preoccupati dalle segnalazioni dei roghi tossici che ci stanno pervenendo da alcuni comuni della provincia. Il nostro timore è che i delinquenti, approfittando della situazione critica, intensifichino gli ecoreati che hanno afflitto le nostre terre. A tal proposito abbiamo inviato una segnalazione alle forze dell’ordine circa un rogo nei pressi dell’Asse mediano nei pressi del centro commerciale ‘Le Porte di Napoli’. I ritardi nella raccolta non autorizzano a compiere atti illeciti. Al contrario tale criticità dovrebbe essere affrontata con una rinnovata maturità e coscienza civica dalla cittadinanza che dovrebbe fare il massimo per limitare i disagi, evitando comportamenti incivili. Da parte nostra continueremo a profondere il massimo impegno per trovare una soluzione nelle sedi istituzionali”.

La situazione dei rifiuti è ormai diventata quasi insostenibile. L’estate appena iniziata si preannuncia torrida anche sotto questo punto di vista, sperando che i roghi tossici diminuiscano.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più