Formiche al San Giovanni Bosco: due dipendenti sospesi e senza stipendio

formiche san giovanni boscoUna svolta importante sul caso delle formiche al San Giovanni Bosco. Sono due i dipendenti dell’ospedale che sono stati sospesi nell’ambito del processo disciplinare relativo al ritrovamento di formiche all’interno della struttura ospedaliera. Oggi, infatti, il Presidente Collegio Provvedimenti Disciplinari dott. Ciarfera ha messo la parola fine ad un capitolo importante delle vicende che hanno interessato il P.O. San Giovanni Bosco.
Il “Caso Formiche” ha interessato, già dagli inizi di febbraio, il commissario straordinario Ciro Verdoliva. Sin dall’inizio del suo operato, già fra i suoi primi atti d’ufficio, aveva manifestato l’intenzione di far luce su molti aspetti poco chiari che hanno caratterizzato la mala sanità partenopea e soprattutto della struttura sanitaria.
In particolare l’attenzione si era posta sull’avvenuta assegnazione di lavori in “somma urgenza” e relative responsabilità a vario titolo attribuibili a ciascuno dei responsabili. Dopo un’attenta ricostruzione dei fatti e un’indagine capillare compiuta dalle autorità competenti, il “caso formiche” dell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli, arriva ad una svolta: due i dipendenti sospesi e ritenuti responsabili, per lo meno in questa fase.
Il Collegio Disciplinare dell’ASL Napoli 1 Centro ha concluso il procedimento disciplinare. E, contestualmente, ha anche irrogato la sanzione alla sospensione dal servizio sia per Giuseppe Matarazzo (già Direttore Sanitario del P.O. San Giovanni Bosco) e sia per Claudio Pucillo (già assistente tecnico del P.O. San Giovanni Bosco).
Invero, la sanzione comminata nei confronti del dottor Giuseppe Matarazzo è tanto la sanzione di un mese di sospensione dal luogo di servizio, (sospensione che inizierà a decorrere dal 16.07.2019) tanto la privazione della propria retribuzione. Differentemente, a carico dell’assistente tecnico Claudio Pucillo la sospensione dal luogo di servizio è prevista per un lasso di tempo di ben 4 mesi che inizieranno a decorrere dal 04.07.2019 e, anche per lui, è stata irrogata la sanzione della privazione della retribuzione.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più