Beyond Meat. L’Hamburger del futuro sbarca a Napoli: è fatto di carne non carne

L’hamburger del futuro, il Beyond Meat, sta per arrivare per la prima volta a Napoli, dopo aver conquistato gli americani, aggiudicandosi a Wall Street il primato di miglior Ipo (dall’inglese initial public offering) degli ultimi 20 anni.

Questo progetto, nato dai fondatori di Twitter e finanziato da nomi come Bill Gates e Leonardo Di Caprio, è il primo prodotto 100% vegetale che si avvicina alla carne sia alla vista che al sapore. E’ privo di OGM, ormoni, antibiotici colesterolo e glutine, con un impatto ambientale bassissimo e cruelty free ma l’apporto di proteine e ferro è identico a quello della carne.

Come viene fatto? Si parte da una cottura di piselli gialli sotto pressione dai quali viene estratta una proteina che al gusto ricorda la carne, mentre il succo di barbabietola ne conferisce il colore e un mini effetto di sanguinamento. Il resto degli ingredienti tra i quali olio di cocco, amido di patate e altri aromi naturali ne danno la texture.

Il progetto del Beyond Meat (tradotto letteralmente: “oltre la carne“) ha come obiettivo quello di dare un’alternativa al consumo di carne, che già adesso è eccessivo e secondo gli studiosi nel 2050 con l’aumento della popolazione mondiale le risorse a disposizione non saranno più sufficienti. Inoltre rispetto alla lavorazione della carne animale, si ha un risparmio equivalente al 95% di terra utilizzata, al 75% di acqua, con un abbattimento delle emissioni di gas serra dell’87%.

Così al Murphy’s Law Birreria Artigianale di Napoli lo hanno voluto fortemente integrare nel loro menù, perché rientra nella loro filosofia eticoerente ed è perfetto per chi vuole mangiare qualcosa di goloso ma con il gusto della carne.

Il locale situato al Vomero già dal 27 maggio scorso ha eliminato le carni provenienti da allevamenti intensivi servendo ai clienti solo carni di manzo Grass Fed. Inoltre ha eliminato quasi completamente la plastica, raggiungendo l’85% di produzione in meno.

Il progetto chiamato “Eticoerente”, è nato da un’idea di Antonio Zullo, che ha dato vita ad una vera e propria rivoluzione, servendosi di carni frutto di allevamenti rigorosamente all’aria aperta e di animali non maltrattati.

Il Beyond Meat è rivolto a tutti e non solo a vegetariani o vegani. Infatti al Murphy’s Law Birreria Artigianale hanno fatto dei piccoli esperimenti con qualche cliente, bendandoli e facendogli assaggiare sia l’hamburger di carne che Beyond Meat. Il sapore di carne è molto forte, assicurano, in grado di confondere anche i palati più esperti.

Dal 18 luglio Beyond Meat sarà disponibile nel menù della Birreria Artigianale al Vomero, nei giorni successivi sarà possibile gustarlo anche a via Luca Giordano 156 e al Murphy’s Law di Vico Equense.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più