Napoli. Tentano di scippare una turista e la trascinano per diversi metri

Periodo di ferie, periodo di affluenza turistica. Napoli, con le sue bellezze e la sua storia, è tra le città italiane ad attirare un maggior numero di stranieri.
Una delle città più belle del mondo, che però cade nell’ingiusta infamia a causa di piccoli delinquenti che ne rovinano la sua fama.

Esattamente un mese fa, una coppia di turisti svedesi, dopo essere stati sedotti dal fascino partenopeo, avevano dovuto fare i conti con il suo lato oscuro. L’uomo, infatti, rimase vittima di un violento scippo.
Oggi, 9 agosto, ci ritroviamo a dover dare nuovamente una spiacevole notizia. Ieri pomeriggio, presso la Villa comunale di Napoli, una turista georgiana ha attirato l’attenzione della polizia con le sue urla.

Gli agenti si sono recati subito in soccorso della donna, la quale presentava graffi e lividi sul corpo e avrebbe dichiarato di essere stata minacciata con un coltello da quattro persone che tentavano di rubarle la borsa, trascinandola per qualche metro.
Gli agenti di polizia del Commissariato San Ferdinando sono riusciti a fermare i quattro malviventi.

Si tratta di minorenni che presentano un’età compresa tra i 14 e i 15 anni, accusati di tentata rapina e porto abusivo di arma bianca. Possedevano, infatti, un coltello a serramanico con una lama di 7,5 centimetri.
Una volta fermati, i quattro delinquenti minorenni sono stati trovati in possesso di due telefoni cellulari, rubati nella mattinata sulla spiaggia libera di via Caracciolo, reato per il quale sono indagati in stato di libertà. I telefoni sono stati restituiti alle vittime.

Una brutta vicenda. Si ringrazia sempre che non sia sfociato in qualcosa di più dannoso e pericoloso e questa è già una grandissima sconfitta.
Viaggiare dovrebbe significare scambio rispettoso e reciproco, mai invasione violenta dello spazio di un altro.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più