Don Patriciello: “Grazie Nadia, perchè hai denunciato lo scempio della Terra dei Fuochi”

A celebrare i funerali di Nadia Toffa è don Maurizio Patricielloparroco di Caivano (Napoli), noto per il suo impegno nella ‘Terra dei Fuochi’. 

La giornalista de Le Iene aveva realizzato molti servizi sulla Terra dei Fuochi, denunciando le condizioni pericolose per la salute dei cittadini.

Grazie di tutto l’amore e la sensibilità che hai saputo dosare insieme alla tua professione. Resterai nei nostri cuori e andremo avanti anche per te! Oggi salutiamo un amica,che stretta a noi, ai nostri racconti, cercava di denunciare lo scempio di cui siamo vittime! Non hanno risparmiato nemmeno a te commentuoli vari, ma hai saputo riderci su,ne eri abituata. Chi ti dimentica più cara Nadia; e non è un addio..ma un arrivederci”, ha aggiunto don Maurizio Patriciello.

Nadia Toffa ha avuto il merito di unire l’Italia”, così ha esordito don Maurizio Patriciello. “Perché Nadia in questi giorni parlano solo di te? Sta piangendo gente che ti ha visto solo in televisione? Sei stata autentica, coraggiosa. Questo la gente l’ha compreso. Ma a me Nadia non la dai a bere, sei stata forte ma anche così fragile. Amante della giustizia”, ha aggiunto il parroco.

Noi, nella Terra dei Fuochi, la chiamiamo “la malattia”. Era gonfia, si vedeva che fare quello che ha sempre fatto le costava fatica. E proprio per questo l’abbiamo apprezzata ancora di più. Siamo venuti in chiesa per pregare per lei, torniamo a casa più uomini. Nadia, ci costringi ad avere l coraggio di guardare negli occhi la morte. Ma è una nemica o un’alleata”.

Nadia ha messo l’Italia sottosopra, è stata amata da Nord a Sud, dalla Terra dei fuochi a Brescia. È entrata nel cuore di tutti perché è stata autentica, cocciuta perseverante, tosta. Ha avuto fame e sete di giustizia”, ha aggiunto il sacerdote.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più