Fermate due ragazze incinte in Galleria: distraevano la vittima e poi la derubavano

Napoli– Fermate due giovani ragazze (di cui una minorenne) a seguito di un furto di Smartphone di ultima generazione all’interno della Galleria Umberto. Le giovani sono entrambe incinte.

Durante le vacanze estive, ed in particolar modo ad agosto la Polizia Locale ha attuato dei servizi a tutela dei cittadini e turisti. Gli agenti della Polizia Locale dell’Unita’ Operativa Chiaia quindi erano nei pressi della Galleria proprio in virtù del loro programma ed hanno potuto procedere al fermo delle due giovani donne.

Un uomo di mezza età quindi è stato la vittima delle due. Si trovava seduto al’esterno di un bar per consumare qualcosa di fresco ed aveva appoggiato il telefonino sul tavolino. Le due ragazze si sono avvicinate distraendolo e con destrezza hanno preso il telefonino allontanandosi velocemente. L’uomo, accortosi dell’accaduto ha richiesto immediatamente aiuto ai poliziotti. Dopo una breve descrizione le ragazze, che erano ancora in zona, sono state immediatamente raggiunte dagli agenti. Dalla perquisizione personale delle donne è stato ritrovato il bottino che era stato abilmente nascosto sotto i vestiti di una delle due.

Le due giovanissime sono state deferite all’Autorità Giudiziaria per il reato commesso. La più grande delle due aveva già commesso reati analoghi mentre la più piccola, minorenne, non aveva nessuna denunzia alle spalle ed è stata collocata, in collaborazione con i servizi sociali, in una struttura protetta.

Purtroppo i mesi estivi sono quelli in cui avvengono maggiormente infrazioni di questo genere, un po’ per la carenza di controlli, un po’ per la città semivuota. D’altronde la Galleria Umberto è di per sé un luogo poco apprezzato dai cittadini che molte volte viene preso di mira. Su tutti gli esempi dell’albero di Natale che viene costantemente rubato ed altri grandi gesti di inciviltà.
Fatto sta che questa volta le autorità hanno vinto una piccola battaglia grazie al programma estivo della Polizia. Speriamo che possa essere da esempio per evitare altri piccoli furti.

 

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più