San Giuseppe Vesuviano, il sindaco in strada per controlli sui rifiuti: “Non mi fermerò”

A quanto pare il sindaco di Napoli Luigi De Magistris non è l’unico a voler toccare con mano (letteralmente) il problema dei rifiuti nella sua città. Di recente anche il primo cittadino di San Giuseppe Vesuviano, il sindaco Catapano, ha voluto effettuare personalmente dei controlli nelle strade della sua città in compagnia degli operatori dei rifiuti.

Ho promesso tolleranza zero contro chi sversa rifiuti illecitamente e contro chi, ad oggi, nel 2019, ancora non si preoccupa di differenziarli correttamente“. Questo è il primo commento che scrive Vincenzo Catapano in un post pubblicato sulla sua Pagina Facebook ufficiale.

Ho promesso tolleranza zero contro i roghi, contro chi inquina l’aria che noi stessi respiriamo con i nostri figli. E così sarà: pur dovendoci scontrare con l’inefficienza del sistema regionale di gestione dei rifiuti esistente, riconquisteremo una città pulita e tuteleremo l’ambiente in cui viviamo“.

Quella del sindaco Catapano è una battaglia su due fronti: contro l’inefficienza delle istituzioni e contro l’inciviltà dei cittadini. Una battaglia impegnativa che al momento può sembrare una lotta contro i mulini a vento, ma è quanto mai necessaria in una città che da troppo tempo soffre per la scorretta gestione dei rifiuti.

Le numerose denunce degli ultimi giorni in alcune zone di Napoli già stanno contribuendo a sensibilizzare i partenopei sul problema della raccolta differenziata e dell’abbandono illecito di rifiuti. Ben presto, anche le istituzioni non potranno non riconoscere nei partenopei un senso civico che si fa sempre più forte, ed è alimentato da esempi come quello del sindaco Catapano.

Già questa mattina, con gli agenti del Comando di P.M. e con alcuni operatori ecologici, abbiamo effettuato numerosi controlli ed a seguito degli accertamenti in corso, se le irregolarità saranno confermate, i responsabili saranno duramente sanzionati a norma di legge. Non ci fermeremo, non mi fermerò. I controlli proseguiranno nelle prossime ore e nei prossimi giorni. Vi terrò costantemente aggiornati“.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più