Loading...

Navigator: c’è l’accordo tra Anpal e Regione Campania

navigator campania
Foto facebook navigator campania

Via libera all’assunzione dei 471 navigator campani vincitori della selezione pubblica. Lo annuncia la ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, con un post sul suo profilo Facebook:

“Intesa raggiunta tra Anpal servizi e regione Campania riguardo l’assunzione, da parte di Anpal servizi, dei 471 navigator. I vincitori della selezione pubblica offriranno assistenza tecnica ai cittadini campani, beneficiari di Reddito di cittadinanza e non solo. Prima da presidente della Commissione Lavoro del Senato e poi da ministro del Lavoro ho incontrato più volte i navigator. Per questo oggi sono molto contenta per loro”.

Un accordo che ha avuto esito positivo come evidenziato anche in un comunicato della Regione Campania. Questa mattina infatti si è tenuto a Roma un incontro tra il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca e il presidente di Anpal, Domenico Parisi.

“La Regione ha sollecitato la stabilizzazione dei lavoratori precari presenti in Anpal da oltre un decennio e la contrattualizzazione dei navigator con un’assunzione piena ed esclusiva di responsabilità da parte di Anpal. La Regione ha sollecitato anche un impegno ad affrontare e risolvere altre emergenze occupazionali (Bros etc.)”.

Una buona notizia quindi per i navigator che nei giorni scorsi avevano chiesto un incontro con il governatore Vincenzo De Luca e con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Tante le lettere di coloro che avevano vinto il concorso. Uno di loro aveva raccontato che era stato costretto ad andarsene da Napoli in cerca di lavoro. Ora invece, fa sapere De Luca: “Si sta aprendo davvero una stagione straordinaria per il Lavoro”.

Infatti il governatore ha comunicato come la lotta al precariato continuerà con altre iniziative:

“Sarà bandito a breve il nuovo concorso per 650 nuove assunzioni stabili nei Centri per l’impiego. E si sta lavorando all’ultimo respiro per avviare a conclusione già entro quest’anno il primo concorso bandito dalla Regione per i primi tremila giovani da mandare a lavorare nei Comuni”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più