Travolta da uno scooter contromano, Maria muore dopo un mese di agonia

Ospedale San Giovanni Bosco di NapoliMaria Esposito, 77 anni, è morta dopo 30 giorni di agonia trascorsi in sala di rianimazione nell’ospedale San Giovanni Bosco. Maria era la madre di Giuseppe Giovinetti, consigliere della Terza Municipalità napoletana Stella-San Carlo all’Arena. La donna il 27 settembre scorso si stava recando in chiesa quando, intorno alle 10:00, fu travolta da uno scooter che percorreva la strada contromano e in sella al quale c’era un giovane ragazzo che consegnava caffè.

L’anziana cadde a terra battendo la testa. Trasportata d’urgenza al pronto soccorso del San Giovanni Bosco con una grave emorragia cerebrale, la donna non si è più ripresa nonostante i medici avessero tentato di tenerla in vita fino all’ultimo istante. Il suo cuore ha smesso di battere ieri.

Intanto la magistratura ha disposto l’autopsia e stabilirà eventuali provvedimenti a carico del giovane alla guida dello scooter.

Intanto però il figlio di Maria Esposito si sfoga dicendo: “Dopo 30 giorni trascorsi in sala di rianimazione, per un caffè portato da un ragazzo da via Arena alla Sanità ai Miracoli, tutto guidando contro mano, mia mamma oggi è morta. Hanno sequestrato la salma per l’autopsia, ma la cosa assurda è che nel quartiere non è cambiato nulla. Si continuano a portare caffè sui motorini. Mi chiedo: quante altre vittime dovremo aspettare ancora per far rispettare le regole alla Sanità?”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più