Grande festa a Scafati: ritornano due tele rubate al santuario della Madonna dei Bagni

tele madonna bagni scafati

tele madonna bagni scafatiScafati – In una sera del mese di febbraio dell’anno 1994 alcuni malintenzionati trafugarono nel santuario della Madonna dei Bagni dei pregiati dipinti olio su tela del XVIII secolo. Le opere pittoriche furono inserite nell’edificio pressoché nello stesso periodo della sua nascita. Possiamo immaginare il pesante danno subito dal santuario.

Citiamo i protagonisti delle tele: San Gennaro, San Francesco di Paola, San Pasquale e Sant’Antonio. Siccome i fedeli erano strettamente legati alle opere pittoriche, il santuario fu dotato di riproduzioni (presenti nell’immagine di copertina). Arriva di recente la bella notizia: parti di tela sono state ritrovate, in particolare dei putti presenti nelle due tele raffiguranti rispettivamente san Francesco di Paola e Pasquale. Questi sono stati localizzati nel territorio della Calabria, con più precisione in un negozio di antiquariato di Crotone.

Sono stati di fondamentale importanza l’azione sinergica del Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, i ricercatori dell’Università degli Studi di Calabria e i restauratori della soprintendenza di Cosenza.

Per quanto riguarda i malfattori, le forze dell’ordine hanno individuato due individui che sono stati denunciati per riciclaggio e ricettazione.

Le parti di tela sono ritornate nel santuario dopo una solenne cerimonia tenutasi il 1° dicembre. C’è stata la partecipazione di donne che tutelano i beni culturali: Francesca Casule e Paola Apuzza. Non è mancata la presenza del primo cittadino di Scafati, Cristoforo Salvati, del vescovo de lla diocesi di Nocera – Sarno mons. Giuseppe Giudice e delle forze dell’ordine: Bartolo Toglietti e Gennaro Vitolo.

Confidiamo sinceramente nel ritrovamento delle altre tele.

Potrebbe anche interessarti

Da