Circumvesuviana peggiore d’Italia, De Luca: “Stiamo buttando il sangue”. Borrelli: “Gli sforzi non bastano”

de luca

Nella giornata di oggi, Legambiente ha diramato la classifica delle 10 linee ferroviarie peggiori in Italia. Tra queste, c’è la Circumvesuviana,  come peggior linea ferroviaria d’Italia, seguita dalla Roma Nord-Viterbo e dalla Roma-Ostia Lido. Moltissime le corse cancellate solo nei primi mesi del 2019 e tanti disagi creati ai pendolari, nonostante il costo del servizio aumentato, ma che non ha portato a miglioramenti.

In merito ai miglioramenti, oggi, sono stati terminati i lavori alla stazione di Scampia e all’evento era presente anche il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che ha commentato la classifica di Legambiente: “Stiamo buttando il sangue. Più che fare le stazioni, comprare i treni, che dobbiamo fare? Dobbiamo continuare a fare quello che stiamo facendo. La situazione la conosciamo, però voi giornalisti spiegate perché siamo in queste condizioni, e cioè per il fatto che per 35 anni non si è fatto niente”.

De Luca continuare a battere sul fatto che il governo non ha mai fatto nulla per il Sud, investendo tutto per il Nord, così come è accaduto anche per l’emergenza rifiuti, commentata qualche giorno fa. “A Scampia completiamo la più bella tra le stazioni Eav, lasciata fino al 2015 in stato di completo abbandono: più servizi per i cittadini, arte, modernità, efficienza, bellezza, impegni rispettati. Questa è l’immagine di Napoli che vogliamo rappresentare”, ha continuato De Luca.

A  commentare anche Francesco Emilio Borrelli, Consigliere Regionale dei Verdi: “I dati della classifica  derivata dal dossier Pendolaria di Legambiente in base al quale la Circumvesuviana Campania ha la maglia nera come la linea pendolare peggiore d’Italia ci preoccupano molto. Nonostante gli sforzi e gli investimenti effettuati dal Consiglio Regionale, e l’impegno profuso in questi mesi,  non solo la condizione del trasporto pubblico non è migliorata ma è addirittura peggiorata.

Non siamo soddisfatti. Una corretta amministrazione deve migliorare i servizi, e se ciò non avviene deve dare spiegazioni a cittadini sulle motivazione e anche assumersene le conseguenze. Apprezziamo gli sforzi che sono stati fatti in questo periodo, a fronte delle risorse investite dalla Regione, ma evidentemente non basta ed è prioritaria importanza che i cittadini abbiano un trasporto decente e dignitoso“.

 

Potrebbe anche interessarti