Redditi, cresce di oltre 6 volte divario tra ricchi e poveri: Campania la più tartassata

In Italia cresce sempre di più la differenza tra il reddito dei ricchi e quello del ceto medio. Il 20% della popolazione con i redditi più alti può contare su entrate superiori a sei volte quelle di coloro che sono in difficoltà.

E’ il dato emerso della nuova statistica Eurostat, che mette in relazione i diversi gruppi di reddito. L’italia ha il rapporto peggiore tra i paesi più popolosi: la Germania è a 5,07, la Francia a 4,23, il Regno Unito a 5,95 e la Spagna a 6,03 in deciso calo sull’anno precedente.

Bolzano è la provincia con meno disuguaglianza: il Friuli Venezia Giulia ha un indice del 4,1 tra il reddito del 20% più benestante e il 20% della popolazione più in difficoltà. Veneto e Umbria segnano un indice del 4,2, mentre la Sicilia e la Campania registrano divari superiori, con il 7,4. Il Lazio segna un indice del 6,5 mentre la Lombardia si ferma al 5,4.

C’è una differenza anche a seconda delle classi di età con gli over 65 che grazie alle pensioni resistono meglio e hanno un rapporto tra il 20% con i redditi più alti e il 20% con i redditi più bassi del 4,86 mentre gli under 65 hanno un rapporto del 6,55, in crescita rispetto al 2017 quando era al 6,34.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più