Il meteorologo Ernani: “Freddo e pioggia potrebbero essere i killers del Coronavirus”

coronavirus

Coronavirus. Il meteo potrebbe risultare di aiuto nella lotta contro la diffusione del virus. Secondo quanto riporta un’intervista fatta da AdnKronos al meteorologo Paolo Ernani, le temperature in discesa, previste per i prossimi i giorni aiuterebbero a tenere a bada l’epidemia.

L’esperto afferma che nel nostro Paese il virus si è diffuso più rapidamente rispetto agli altri a causa del fatto che da parecchio tempo sono assenti pioggia e freddo. “In questi ultimi, buon per loro, la diffusione e la concentrazione è molto più bassa che da noi. Il motivo potrebbe risiedere nel fatto che le regioni del centro e nord Europa sono state frequentemente attraversate da perturbazioni anche moto intense associate non solo a piogge continue e forti, ma anche a un calo delle temperature e venti forti tanto da spazzare via la preesistente atmosfera”.

Prosegue: “In Italia c’è stata e c’è l’influenza sia dell’anticiclone africano che quello delle Azzorre. E potrebbero essere proprio loro la causa principale della diffusione, soprattutto al Nord, del coronavirus. Nell’alta pressione l’aria ristagna, c’è assenza di vento, l’umidità cresce col passare del tempo e aumentano pure le polveri sottili, un humus ideale per batteri e virus. L’arrivo di sistemi nuvolosi dai quadranti settentrionali apporterebbe una fase molto dinamica associata a piogge, che comportano un lavaggio dell’atmosfera, venti anche forti da nord-nordovest e in particolare un sensibile calo delle temperature, con conseguente ricambio totale dell’aria che respiriamo. Il vento, le basse temperature e le precipitazioni potrebbero essere gli sperati killer del coronavirus“.

Non ci resta che sperare quindi che le temperature calino nonostante l’imminente arrivo della primavera, allontanare questo virus o quanto meno arginare la sua ondata è quello che tutti ci auguriamo.

Potrebbe anche interessarti