Coronavirus, le navi si trasformano in ospedali: migliaia di posti letto in tempi record

Msc e Gnv a lavoro per combattere il Coronavirus. Navi da crociera e traghetti trasformati in ospedali a tempi record, con migliaia posti letto per malati gravi e non solo: saranno ricoverati anche pazienti positivi e pazienti convalescenti, ma non infetti. A riferirlo è Il Secolo XIX.

La grande nave passeggera, attrezzata come un modernissimo ospedale galleggiante, è ancorata al porto di Genova, offrendo servizi per terapia intensiva e rianimazione. Per questa mansione, l’Msc scende in campo con la nave “Opera”, risolvendo così, in parte, l’angoscioso problema che sta trapelando con il Coronavirus: le poche strutture. Altresì, ci sono altri due cruise ferry che come abituali collegamenti con le isole potrebbero servire per urgenti servizi sanitari. Le ultime due imbarcazioni saranno infatti dirottate anche in altre città marittime del Sud del Paese.

Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come si previene

Il grande progetto, da subito concordato dal sindaco di Genova, Marco Bucci, è stato sviluppato dai vertici di Grandi Navi Veloci (Gnv), ed approvato da Gialuigi Aponte, leader di Msc. Il piano, sostenuto anche dall’amministratore delegato del Rina, Ugo Salerno, che sta seguendo tutte le fasi realizzative, entra oggi in una fase esecutiva. Grande attenzione ci sarà per la progettistica da parte della Protezione Civile, anche con i suoi rilevanti investimenti. I tempi di realizzazioni di questi grandi ospedali galleggianti sono da record: si predice da una settimana a dieci giorni.  Il problema, però, tecnico riguarda la completa modifica dell’impianto di aerazione del traghetto, per blindare tutte le cabine destinate ad ospitare i pazienti infettivi. Le navi saranno anche dotate di container adibiti in sale mediche. Una realizzazione che sembra proprio prendere spunto dagli avvenimenti nelle zone di guerra.

Le navi Gnv al centro dello studio sono la Superba, la Suprema e la Splendid. Non si esclude, ad ora, che se le imbarcazioni superino il test genovese, potrebbero essere replicate come modello nelle città del Sud Italia. Un messaggio forte e di svolta, un salvagente per l’Italia che sta annegando in un momento di difficoltà e inquietudine portato dal Coronavirus.

Potrebbe anche interessarti