Posti esauriti a Napoli, arrivano all’Ospedale del Mare 5 ventilatori donati da multinazionale cinese

ventilatori ospedale
Foto ZTE Italia

E’ corsa contro il tempo in Campania per avere a disposizione posti letto e di terapia intensiva da destinare ai malati di coronavirus. Come fa sapere l’Ansa, sono tutti esauriti i posti negli ospedali napoletani.

Attualmente sono 136 i pazienti ricoverati tra gli ospedali Cotugno e Monaldi. La disponibilità di posti letto, in regime di ricovero ordinario, che comprende anche una quota di sub intensiva, è esaurita, perché quelli disponibili sono attualmente occupati. Dei 136 ricoverati, 127 sono casi confermati di positività al coronavirus, mentre per altri 9 pazienti si è in attesa dell’esito dei tamponi.

In Terapia intensiva, al momento sono ricoverate 15 persone, in tutto (su un totale di 16). Nell’Ospedale Monaldi, si contano altri 6 posti letto ‘liberi’ nel reparto di terapia intensiva attivati d’urgenza nella giornata di ieri. A breve, al Cotugno saranno attivati nuovi posti letto nella palazzina da poco ristrutturate, per far fronte ai ricoveri in aumento nonostante ieri i dati abbiano fatto registrare la percentuale più bassa (77 positivi su oltre mille tamponi effettuati). Anche all’Ospedale del Mare si sta lavorando per attivare 72 posti letto.

Intanto una buona notizia arriva dalla Cina. Un’azienda di telecomunicazione cinese, la Zte, ha infatti donato alla Regione Campania 5 respiratori per la terapia intensiva. Come si legge sul sito:

“La multinazionale delle telecomunicazioni, attiva in Italia attraverso 14 sedi dislocate da nord a sud del Paese, ha fatto arrivare le speciali apparecchiature alla Protezione Civile attraverso un volo cargo proveniente dalla Cina e diretto a Milano Malpensa. Il Dipartimento del Governo le ha poi destinate al nuovo Centro Covid-19 della Regione Campania, situato presso l`Ospedale del Mare a Napoli. I 5 ventilatori sono il modello VG70 prodotti a Pechino dalla Beijing Aenomed Co.LTD, azienda leader nella ricerca e sviluppo e nella produzione di apparati per respiratori e sono conformi a tutte le certificazioni dell’Unione Europea”.

Come dichiarato da Hu Kun, CEO di ZTE Italia e Presidente di Western Europe:

“Per combattere il virus, sono importanti sia la piena collaborazione che gli sforzi congiunti di tutti. Comprendiamo la situazione di estrema emergenza qui in Italia, e il tempismo è cruciale. Come impresa, ZTE vuole fare del suo meglio per contribuire come può alla gestione di questa emergenza e di questa epidemia. Proprio per questo, per Napoli, abbiamo fatto arrivare e messo in funzione i respiratori nel minor tempo possibile. Stiamo anche continuando a fare del nostro meglio per fornire supporto per qualsiasi esigenza fondamentale nelle Telecomunicazioni”.

L’azienda cinese si è dichiarata a disposizione per continuare a supportare la Regione Campania.

Potrebbe anche interessarti