Archiviato il presunto caso dei medici assenteisti del Cardarelli

Archiviato per infondatezza il caso dei medici assenteisti dell’Ospedale Cardarelli.

Flavia Sorrentino, garante del comune di Napoli per la difesa della città con lo sportello “Difendi la città”, ha confermato l’archiviazione del caso dei medici assenteisti del Cardarelli.

Il 18 marzo scorso sulle prime pagine dei quotidiani nazionali, uno su tutti Il Fatto Quotidiano, campeggiava una notizia terribile e vergognosa. In piena emergenza coronavirus 249 medici del Cardarelli di Napoli si fingevano malati per evitare il lavoro e la prima linea.
Ci furono facili parole di fuoco a livello nazionale, dichiarazioni velenose e piene di sdegno di giornalisti e politici.

La notizia fu poi fieramente smentita dalla Direzione del Personale di detto ospedale.
Lo Sportello #difendilacittà si scagliò contro il modo vergognoso con i quotidiani nazionali avevano sbattuto Napoli in prima pagina col più terribile dei luoghi comuni: i napoletani sono indolenti e non vogliono lavorare.

Rendemmo noto che si trattava di una fake news e invitammo il Fatto Quotidiano a ritrattare l’articolo. Il giornale si difese perché intanto sulla scorta del loro articolo la Procura aveva aperto un’indagine.

Ebbene ecco oggi, 16 aprile, il risultato di quella indagine:

ARCHIVIAZIONE PER INFONDATEZZA DELLE NOTIZIE DI REATO.

Stante la verificata correttezza dei comportamenti del personale della predetta struttura sanitaria, senza verificare la notizia pubblicata è stato gettato fango sulla classe medica di una intera città.

Non lo abbiamo mai accettato.
Dal primo giorno.
Conosciamo la competenza dei nostri professionisti. Siamo i cittadini delle 4 giornate, quelli che mai avrebbero abbandonato la prima linea di fronte all’emergenza.
E voi, chi siete?
Quelli che si siedono dalla parte del sensazionalismo perché, in questo Paese bugiardo, Napoli è una verità che fa male”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più