Salvini attacca De Luca: “Misure in Campania poco efficaci”. Ma i dati parlano chiaro


PUBBLICITA' ELETTORALE

Matteo Salvini ci riprova. Aveva tentato di spezzare una lancia in favore del Sud dopo le affermazioni razziste di Feltri, rinnegando il suo candidato al Quirinale e definendo le sue frasi “una cazzata“. Adesso però sembra che Salvini abbia trovato un nuovo bersaglio nel Meridione: il governatore della Campania Vincenzo De Luca.

Il leader del Caroccio, in videoconferenza con i rappresentati delle categorie produttive della regione Campania, ha affermato che “le normative regionali e le ordinanze in Campania sono più efficaci sui social o nei talk show televisivi che nella vita reale“.

In concreto, secondo Matteo Salvini, le misure anti-contagio adottate non farebbero altro se non “complicare e penalizzare molte attività, come in nessun’altra regione italiana. Purtroppo qualcuno, per giocare a fare lo sceriffo, e lo dico senza voler fare polemiche, sta penalizzando molte aziende della regione. Ho parlato con il sindaco di San Giuseppe Vesuviano e con molte aziende delle province campane, e tutti mi confermano le difficoltà“.

Insomma, nel polemizzare con De Luca, Salvini forse avrebbe fatto meglio a fermarsi alle difficoltà che stanno vivendo le imprese campane. Affermare che le ordinanze del presidente della Regione non siano state efficaci nella vita reale vuol dire ignorare totalmente un aspetto fondamentale della vicenda: i dati.

Basterebbe dare un’occhiata ai dati del contagio registrati nell’ultima settimana in Campania per chiarire l’autogol clamoroso del senatore. Solo due giorni fa la curva dei contagi ha raggiunto il suo minimo storico, con 18 positivi su oltre 1.800 tamponi. Secondo uno studio, grazie alla fermezza e alla rapidità con cui è stata contrastata l’epidemia, la nostra regione potrebbe essere tra le prime a dirsi fuori dall’emergenza.

Tra l’altro, parlando di concretezza ci sarebbe da aprire una lunga parentesi su quanto lo stesso Salvini abbia fatto per la nostra regione quando era Ministro dell’Interno. Vale la pena ricordare solo un’affermazione del governatore De Luca, emblematica dell’abisso esistente tra le parole spese da Matteo Salvini e i fatti:

“Matteo Salvini ha detto di essere venuto a Napoli innumerevoli volte. Intanto, io da più di un anno ho fatto la richiesta di istituire un posto di polizia al San Giovanni Bosco. Lui, allora Ministro dell’Interno, non ha neanche risposto. Abbiamo fondati motivi per credere che Matteo Salvini in città ci sia venuto, ma per mangiare i friarielli“.

Potrebbe anche interessarti