“Anche un’amicizia è un affetto stabile”: lo dice il Viceministro della Salute

Dopo la diretta del presidente del Consiglio Giuseppe Conte per quanto riguarda lo svolgimento della fase 2, molti sono rimasti perplessi: gli argomenti poco chiari sono tanti, soprattutto per quanto riguarda la possibilità d’incontrare i cosiddetti “congiunti”.

Siamo sicuri sull’appartenenza di parenti, compagni e fidanzati alla categoria dei “congiunti” in quanto figure legate ad un ipotetico “affetto stabile”, altra frequente espressione usata negli ultimi giorni. E, invece, per quanto riguarda le amicizie?

Ha dato importanti delucidazioni inerenti all’argomento Pierpaolo Sileri, viceministro della salute e senatore del Movimento Cinque Stelle, con un intervento radiofonico durante la trasmissione “Un Giorno da Pecora” in onda su Rai Radio1 e condotta da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro.

Pierpaolo Sileri ha, ovviamente, avuto dei mesi particolari in qualità di viceministro della salute: ha anche contratto il virus e, con il successivo test sierologico, ha scoperto di avere l’immunità che, però, nessuno sa se sarà effettivamente duratura. Le sue parole durante l’intervento radiofonico:

Anche un’amicizia è un affetto stabile. Soprattutto chi si sposta da una città all’altra stabilisce dei rapporti con degli amici che sono spesso migliori di alcuni di quelli con la famiglia. […] Se è considerato un amico vero e non è una scusa si potrà andare a trovare un amico, serve buon senso. 

“Questo è un periodo di transizione, anche l’autocertificazione col tempo verrà tolta e ci sarà sicuramente molta più libertà. Purtroppo servono le regole per far capire che non è un “liberi tutti”. […] Se incontrassi un mio amico oggi rispetterei le regole ma forse un abbraccio glielo darei e forse uscirebbe anche una lacrima dopo tre mesi. 

“[…] Se lunedì sera due fidanzati s’incontrano, purtroppo non sappiamo se il sesso è un rischio ma sicuramente la vicinanza è un rischio. In questo momento ogni contatto stretto sarebbe da evitare. Due ragazzi si vedono dopo tanto tempo ed è difficile frenarsi, ma magari uno dei due ha a casa la nonna di 75 anni”.

Qui di seguito la puntata completa di “Un Giorno da Pecora” dalla pagina Facebook ufficiale:

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più