Salvini difende Giordano dopo la bufera Feltri: “Ma stiamo scherzando?”

Si torna a parlare della bufera Feltri, ospite giorni fa nella trasmissione “Fuori dal coro” su rete 4. Ad entrare in scena è Matteo Salvini, il leader della Lega, è intervenuto con un tweet a difesa del conduttore Mario Giordano.

“Mario Giordano e la sua trasmissione #Fuoridalcoro rischiano la multa per “Incitamento all’odio”. Ma stiamo scherzando? Con la scusa dell’intolleranza, qualcuno aumenta i bavagli, pensa alla #censura (a senso unico) e mette a rischio la libertà. Solidarietà a @mariogiordano5!”. Queste le sue parole dopo che l’Agcom è intervenuta in merito alla spinosa questione, annunciando una possibile multa al programma.

Vittorio Feltri, ricordiamolo, durante un intervento nella suddetta trasmissione si lasciò andare a dichiarazioni poco felici nei confronti dei napoletani e dei meridionali in generale. “Meridionali inferiori”, questa la frase che ha scatenato giustamente il panico, scontri sui social e sui giornali ci hanno fatto compagnia per un bel pò.

Mario Giordano durante la messa in onda, tentò con alcune parole di abbassare i toni, alcuni lo hanno visto complice del giornalista, altri hanno pensato forse ad un’ironia sarcastica nelle sue parole. Fatto sta che entrambi sono stati il bersaglio preferito dei media e di tutti i cittadini meridionali adirati per le parole tanto ignoranti e cattive.

Il conduttore, nella puntata successiva a quella dove c’era ospite Feltri ha fatto capire chiaramente che si dissociava dalle parole del giornalista: “L’Italia è una, gli italiani sono gli italiani. Non ci sono differenze. Gli italiani usciranno insieme da questa situazione. Non ci sono differenze tra italiani, figuriamoci se ci possono essere inferiori e superiori”. Intervento tardivo che non ha lasciato i più interdetti.

Potrebbe anche interessarti