La vedova di Apicella: “Prima ti sceglievo i vestiti, ora l’urna per le tue ceneri”

pasquale apicella

Pasquale Apicella con la sua morte, avvenuta solo pochi giorni fa, continua a suscitare rabbia e sconforto nel cuore dei familiari.

Il poliziotto, morto nel tentativo di sventare una rapina, è stato invaso da messaggi e gesti di cordoglio. Su Facebook sono ormai all’ordine del giorno i post a lui dedicati. Dopo lo sfogo della sorella, Nella Apicella, e il ricordo del quarto anniversario di matrimonio da parte della moglie, arriva un’ ulteriore lettera da parte della sua consorte, affidata, ancora una volta, al social network.

Dal post di Giuliana Ghidotti si legge: Mi piaceva la nostra quotidianità. Cena alle 20 e poi, mentre tu tenevi i bimbi, io rassettavo. Poi tutti sul letto a vedere un film. Eri intransigente, non volevi telefoni in mano la sera nel letto, perché era un momento nostro per stare insieme. Quante volte abbiamo battibeccato perché ti dicevo che era l’unico momento di relax della giornata”.

Quando dovevamo andare da qualche parte mi chiedevi di sceglierti i vestiti e io ti preparavo tutto sul letto. Calzini, mutande, maglia e pantalone. Lo facevo con amore”– prosegue dando voce ai suoi dolci ricordi.

“Stasera, con la morte nel cuore, ho dovuto scegliere una cosa per te che mai avrei pensato di dover fare. Sicuramente non a 32 anni. Ho dovuto scegliere l’urna per le tue ceneri. Ne ho scelta una con l’albero della vita, perché tu eri questo. Eri vita, la mia vita, ed ora è tutto finito” – conclude.

Un destino crudele, quello di Pasquale Apicella. Per l’ultimo saluto sarà possibile rendergli nuovamente omaggio seguendo i suoi funerali in diretta streaming, il giorno 8 maggio.

Potrebbe anche interessarti