De Luca attacca ‘Report’ e difende l’Asl: “Come la lumachella de la vanagloria di Trilussa”

de luca report

Nella consueta conferenza stampa del venerdì, Vincenzo De Luca, ha annunciato che la Regione Campania ha fatto partire due querele nei confronti di ‘Report’. Lunedì scorso infatti la trasmissione si è occupata attraverso diverse inchieste della sanità campana e di un presunto commissariamento dell’Asl Napoli 1. Notizia smentita dal governatore e rettificata dalla trasmissione. Ma De Luca ha voluto ribadire la sua posizione usando anche dei termini abbastanza forti:

“Lunedì scorso c’è stata un’altra trasmissionaccia per la quale le nostre querele arriveranno a 8 con dei falsi vergognosi e clamorosi su una tv pubblica. Andremo sul piano penale e anche sul piano civile per il risarcimento. Un sedicente giornalista che dà una notizia falsa rispetto all’Asl verrebbe licenziato dopo 5 minuti, in Italia viviamo in un contesto di circo equestre. Si confonde per giornalismo d’inchiesta quello che si chiama violenza privata o cafoneria. Per noi l’Asl Napoli 1 sarà una bandiera, una vicenda simbolica di quello che in Italia è la trasparenza amministrativa e la strumentalità politica. E’ stata commissariata per 10 anni, con commissari nominati dal governo. Per 10 anni i commissari non hanno visto e sentito niente, è incredibile. Quando ci siamo insediati noi abbiamo fatto una battaglia per buttare fuori i delinquenti. Abbiamo iniziato al San Giovanni Boschi. Quando sono andato ho trovato un parcheggio con una sbarra, ho subito chiesto ma chi lo gestisce? E scopriamo che era di un delinquente, dopo 24 ore lo abbiamo buttato fuori, noi. Non il ministero dell’interno. Due anni fa chiesi a Salvini la polizia dentro l’Ospedale. Silenzio assoluto, tutti latitanti. C’è una poesia di Trilussa, ‘La lumachella de la vanagloria’.

Recita così:

“La lumachella de la Vanagloria ch’era strisciata sopra un obelisco, guardò la bava e disse: Già capisco
che lascerò un’impronta ne la Storia”.

Ci sono tante lumache che pensano di fare polemiche e si danno unìimportanza, ma i somari sono somari e restano tali, le nullità restano nullità. Ci troverete in futuro silenziosi verso le porcherie mediatiche. Lunedì c’era anche il film ‘L’ultimo samurai’, come si fa a essere masochisti e non vederlo, valga per il futuro non siate così depravati da perdervi appresso alle scemenze”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più