Ordinanza della Regione Campania. Tutto quello che bisogna sapere sulla riapertura di discoteche, cinema, teatri e sale scommesse

NAPOLI – Riaprono le sale da gioco, le discoteche, i teatri, i cinema e le spiagge libere. Ieri sera il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha firmato l’ordinanza regionale n. 56 che sancisce le norme di fruizione dei luoghi suddetti.

In sintesi, l’ordinanza prevede, da lunedì 15 giugno 2020 a martedì 14 luglio 2020, le seguenti attività:

  • La riapertura delle discoteche, che potranno limitarsi alle sole attività di intrattenimento musicale, bar e ristorazione. Resta il divieto di ballo, sia negli spazi al chiuso che negli spazi all’aperto;
  • La riapertura delle attività delle sale gioco, delle sale scommesse e delle sale bingo;
  • La ripresa delle attività in cinema, teatri e  degli spettacoli dal vivo, sia all’aperto che al chiuso;
  • La fruizione delle spiagge libere;
  • La riattivazione di attività formative e ricreative, presso tutti gli enti autorizzati.

Le norme dell’ordinanza n. 56

Teatri, cinema e spettacoli

Per quanto concerne l’accesso a sale cinematografiche, teatri, circhi, arene e agli spettacoli in generale, l’ordinanza regionale prevede le seguenti misure generali:

  • Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione, mediante l’ausilio di appositi strumenti di comunicazione (segnaletica, cartellonistica o comunicazioni audiovisive);
  • Riorganizzare gli spazi al fine di garantire l’accesso in modo ordinato, evitare assembramenti di persone e assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra gli utenti, ad eccezione dei componenti dello stesso nucleo familiare o dei conviventi;
  • L’ordinamento predilige, qualora possibile, l’accesso tramite prenotazione;
  • Per garantire l’accesso alla struttura, il personale dovrà rilevare la temperatura corporea dello spettatore, impedendo l’accesso in caso di temperatura maggiore di 37,5 °C;
  • I posti a sedere dovranno prevedere un distanziamento minimo, tra uno spettatore e l’altro, di almeno 1 metro (sia frontalmente che lateralmente). Questa disposizione vale sia per gli spettacoli all’aperto che per gli spettacoli al chiuso. Tale misura non viene applicata per le famiglie e i conviventi;
  • Tutti gli spettatori sono tenuti ad indossare la mascherina dall’ingresso fino al raggiungimento del posto;
  • Il personale dovrà garantire la frequente pulizia e disinfezione di tutti gli ambienti, con particolare attenzione alle aree comuni e alle superfici toccate con maggiore frequenza (corrimano, interruttori della luce, pulsanti degli ascensori, maniglie di porte e finestre, ecc.).
  • Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni.

Spiagge libere

Per la gestione delle spiagge libere l’ordinanza regionale prevede le seguenti norme:

  • Obbligatorio il distanziamento interpersonale di almeno un metro, eccezion fatta solo per i nuclei familiari e conviventi;
  • Vietato lo stanziamento dei bagnanti sulla battigia;
  • Gli utenti dovranno osservare la distanza minima di 1,5 metri tra le attrezzature di spiaggia (lettini, sdraio, ecc.) e di almeno 3,2 metri da palo a palo tra gli ombrelloni in modo da garantire una superficie di almeno 10 metri quadrati per ombrellone;
  • I Comuni provvederanno ad installare gli appositi pannelli informativi e ad adottare ulteriori misure di informazione e sensibilizzazione;
  • In caso di necessità, ai Sindaci è data la possibilità di adottare ulteriori prescrizioni per ridurre l’eventuale contagio da Covid 19.

Sale slot, sale giochi e sale bingo

Per l’accesso a sale slot, sale giochi, sale bingo e sale scommesse l’ordinanza regionale prevede le seguenti norme:

  • Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione, comprensibile anche per i clienti di altra nazionalità;
  • Obbligatoria la rilevazione della temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura maggiore di 37,5 °C;
  • Riorganizzare gli spazi e le apparecchiature (giochi, terminali, tavoli del bingo, ecc.) per garantire l’accesso in modo ordinato, al fine di evitare assembramenti di persone;
  • Obbligatorio il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra gli utenti, ad eccezione di famiglie e conviventi;
  • Qualora possibile, il decreto suggerisce di organizzare percorsi separati per l’entrata e per l’uscita;
  • Al fine di evitare assembramenti, all’interno dei locali dei centri scommesse è vietato assistere alle competizioni sportive sui monitor. E’ consentita, invece, la visione delle competizioni esternamente ai locali, a condizione che si evitino assembramenti;
  • E’ necessario assicurare pulizia e disinfezione delle superfici dei giochi a contatto con le mani (pulsantiere, maniglie, ecc). Il decreto suggerisce una pulizia ogni 60 minuti;
  • Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni.

Per le ulteriori norme rimandiamo al sito della Regione Campania.

Potrebbe anche interessarti