Torre del Greco, volontari puliscono la città ma qualcuno li critica sui social: “Supereroi dell’ecosistema”

Torre del Greco – pulizia giù alla “Scala”.  In queste settimane, sono molte le attività di volontari che cercano di ripulire le proprie città dalla spazzatura che lasciano gli incivili.

Ancora una volta un gruppo di giovani volontari si è rimboccato le maniche e ha ripulito la città e la zona della “Scala” giù al porto di Torre del Greco, dall’immondizia che la solita gente incivile lascia ogni volta in giro.

Questo gruppo di ragazzi, guidati dall’associazione AEC – Associazione Eco Culturale – è arrivato da ogni dove e hanno dato grande prova ed esempio di civiltà e di amore verso una terra ed una città che merita un futuro più pulito. Risultato della pubblicità dell’evento sui social? Critiche e insulti per quelli che sono stati definiti “pagliacci guidati da qualche politico in cerca di voti“.

Alcuni volontari non ci stanno e hanno espresso il loro disappunti sui propri canali social:

Domenica si è svolta una manifestazione BELLISSIMA dove tante persone, sopratutto ragazzi tra i 20 e i 30. Si son rimboccati le maniche e SENZA ALCUNO SCOPO DI LUCRO NE POLITICO hanno lavorato per AMORE della propria Città .

Poi giro un po’ su gruppi e social e vedo che miei concittadini scrivono cose screditando l’iniziativa , accusando l’associazione di essere manovrata da qualche politico o scopo sconosciuto, dimostrando un alto grado di ignoranza, superficialità e pochezza.

Mi fermo e penso … Che problemi avete? Quale forma di insoddisfazione personale vi spinge a criticare un’iniziativa del genere? Se non avete nulla da fare la prossima volta siete invitati a lavorare con noi. Se qualche politico viene alla manifestazione aiutando, ci fa piacere perché è forza lavoro in più ma finisce lì, in quel momento quella persona per noi nn è altro che un cittadino con maniche rimboccate.

Concludendo, mi rivolgo a tutte queste persone, prima di scrivere su di noi venite a darci una mano , venite alle riunioni che facciamo tutti i lunedì dopo una giornata di lavoro. Solo così capirete che dietro l’AEC non ci son altro che Sogni , Iniziative e Determinazione !

Ecco un altro messaggio di disappunto contro i soliti criticoni che tutto sanno e nulla fanno:

In questi giorni l’associazione eco culturale AEC ha promosso l’iniziativa di pulire la monnezza che il torrese (di ogni specie ed età) puntualmente genera, soprattutto, ma non solo, in questo periodo nella zona portuale di giù la scala, già deturpata da una pedana pericolosa e poco curata.

L’ha fatto con il piacere di rendere una parte della nostra città migliore, più vivibile, impegnando volontariamente le loro giornate, quindi senza compenso. I numerosi ragazzi, tra cui mia sorella Francesca, hanno pubblicizzato l’evento sul gruppo Facebook di Torre del Greco, per mostrare alle persone il loro gesto, ponendosi come un modello da seguire, per invogliarli a fare lo stesso, come a dire: guarda, noi ci abbiamo messo la faccia, puoi aiutarci, dopotutto è anche la tua città!!!

È vero, della pulizia urbana se ne deve occupare la nostra amministrazione, ma nel gesto in sé non c’è niente di sbagliato, sia nel farlo che nel farlo sapere agli altri.

Stamattina mi ritrovo a leggere un post: mia sorella e tanti altri, identificati come pagliacci in cerca di fama, supereroi dell’ecosistema. Cerco di capirne le ragioni, invidia? Non so…
Allora, a nome di questo popolo che non vi apprezza e non vi capisce, e che ha sempre qualcosa da dire, chiedo scusa e vi ringrazio per l’esempio che state dando. Forse su qualcosa ha ragione il tizio… Siete i nostri supereroi

Questo il messaggio incriminato che ha fatto scattare l’ira dei volontari: “Noto volontari in cerca di fama…In questo gruppo c’è gente che fa volontariato da anni per il gusto di vedere la propria città più pulita e non per avere l’identità di super eroe dell’ecosistema…

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più