Napoli: operai Whirlpool di nuovo in piazza per protestare contro la chiusura definitiva

Whirlpool sciopero
Foto fb Whirlpool Napoli non Molla

Napoli– Ieri era giunta la notizia che a prescindere dagli effetti del Coronavirus, l’azienda Whirlpool chiuderà i battenti il prossimo 31 ottobre, per questo motivo oggi, gli operai hanno deciso di scendere nuovamente in piazza programmando un’ora di sciopero, per far sentire il proprio disappunto.

La vicenda Whirlpool sembra essere arrivata al termine. Per sfortuna però non si chiuderà con l’esito sperato dei 430 lavoratori della sede di via Argine. Ad ottobre infatti la fabbrica chiuderà definitivamente, mettendo di fatto in mezzo alla strada tutti gli operai.

Una notizia dura da digerire per le circa 430 famiglie che si troveranno in grande difficoltà tra pochi mesi. Un periodo che si prospetterà difficilissimo per queste persone che nell’ultimo anno sono state costantemente in bilico.

Gli operai hanno dunque lasciato la fabbrica per manifestare in strada da via Argine fino a via delle Repubbliche marinare, chiedendo di trovare soluzioni concrete per salvaguardare i livelli occupazionali.


Queste le parole di Antonio Accurso, Segretario generale UILM Campania, sullo sciopero degli operai della Whirlpool, come riportato da ‘Il Mattino’:

Dopo l’assemblea informativa di ieri i lavoratori della Whirlpool hanno deciso di manifestare la propria insoddisfazione sull’esito della riunione per le strade della zona industriale di Napoli. Momenti di tensione si sono registrati all’imbocco dell’autostrada di via Argine. I lavoratori dopo un’interlocuzione con le forze dell’ordine annunciano che è l’ultima volta che intendono aspettare e rispettare le regole. La misura è colma. Il governo si faccia rispettare e costringa la Whirlpool a tornare indietro. Non si riesce a far rispettare un accordo per 400 lavoratori con un’azienda che ne occupa 5.000. A settembre quando gli effetti economici della pandemia si faranno sentire con più forza, cosa farà questo governo?”.



Potrebbe anche interessarti