Coronavirus, 239 scienziati scrivono all’Oms: “Si trasmette tramite l’aria”

Coronavirus – uno studio afferma che il virus si trasmette tramite aria. 239 scienziati di 32 Paesi scrivono all’Oms per chiedere all’agenzia di rivedere le sue raccomandazioni sulla trasmissione del virus: secondo gli esperti, infatti, il Coronavirus si trasmette tramite l’aria anche attraverso le particelle virali più piccole.

Lo scrive il New York Times, secondo cui gli scienziati in questione sarebbero pronti a pubblicare la lettera, con tanto di prove, su una rivista scientifica entro l’inizio della prossima settimana. Dall’inizio dell’epidemia l’Oms sostiene che il virus si trasmette attraverso le goccioline respiratorie più grandi che, una volta espulse da persone infette tramite tosse o starnuti, cadono a terra. Le goccioline più piccole, che rimangono maggiormente nell’aria, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità non hanno una carica virale tale da poter infettare le persone.

Coronavirus, il caso dei sintomi prolungati per mesi

Gli esperti invece sostengono il contrario. Secondo quanto dichiarato dal quotidiano newyorkese, all’interno dell’Oms stessa i pareri non sarebbero unanimi. Già all’inizio di aprile, un gruppo di 36 esperti in materia di aerosol e qualità dell’aria aveva esortato l’agenzia a prendere in considerazione il fatto che il Covid-19 potesse trasmettersi attraverso l’aria.

Se iniziassimo a riconsiderare il flusso d’aria, dovremmo essere pronti a cambiare molto di ciò che facciamo” ha dichiarato al Times Mary-Louise McLaws, membro del comitato ed epidemiologa dell’Università del New South Wales a Sydney, aggiungendo: “Sono molto scossa dalle questioni relative alla trasmissione aerea del virus”.

Potrebbe anche interessarti