De Luca: “Scuole aperte verso il 14 settembre. I giovani? Più belle donne meno pasticche”

Vincenzo De Luca

In conferenza stampa Vincenzo De Luca ha parlato anche della riapertura delle scuole in Campania. Domani al Centro Direzionale di Napoli sarà illustrato il programma per l’inizio del nuovo anno che inizierà verso fine settembre e non dopo le elezioni come annunciato qualche settimana fa.

Queste le parole del governatore della Campania De Luca sulla riapertura delle scuole:

“La nostra priorità è il personale scolastico, dobbiamo fare i tamponi per dare serenità a tutti. Dovremmo fare 180 mila screening su ogni docente e personale Ata. Dobbiamo decidere quando aprire, è intervenuta una novità. E’ stato nominato Commissario Arcuri che proporrà sul piano nazionale lo screening a tutti i docenti, se si inizia a inizio settembre noi dovremmo collocarci dentro quel periodo. E dovremmo iniziare anche noi il 14, 15 settembre. Non dobbiamo perdere un mese intero e dobbiamo mettere in sicurezza le scuole. Dovremmo anche produrre mascherine per i giovani. Cercheremo di non avere scuole pollaio”.  

Sui giovani e sull’obbligo della mascherina che resta nei luoghi al chiuso e sui mezzi di trasporto:

“Faccio un appello ai giovani. Possiamo aprire una pagina bella per i nostri giovani, mettetevi queste maledette mascherine, non abbiate timore di sembrare démodé. Io le metto anche se vado a mare tanto per dare l’esempio. Ai giovani dico: la movida, divertiamoci sì ma non perdiamo la testa. I giovani hanno il diritto di divertirsi e gioire ma ho letto di due ragazzini di Terni morti nel sonno per una dosa di droga, non è possibile morire così a 15 anni. Non sentitevi schiavi della logica del branco, se 9 hanno la necessità di fare uso di droga ha ragione l’uno che non la prende. Non sentitevi un’anomalia, l’anomalia sono quelli che perdono la testa. Più ironia, più belle ragazze e meno pasticche, siringhe e super alcolici che sono la negazione della vita, della gioia”.

Potrebbe anche interessarti