Nubifragio a Palermo: padre e figlia salvati da 8 poliziotti del Reparto Mobile di Napoli

palermo poliziotti napoli

Una bomba d’acqua ieri si è abbattuta su Palermo mettendo in ginocchio la città. In sole due ore è caduta una quantità di pioggia sproposita che ha fatto allagare le strade. Un temporale monsonico non previsto dalla Protezione Civile. Decine le auto travolte dall’acqua o rimaste intrappolate nei sottopassaggi della circonvallazione. Nelle prime ore si temeva che la forte pioggia avesse causato due vittime. Un testimone ha infatti raccontato di aver visto due persone annegare ma i corpi non sono stati ancora trovati.

I Vigili del Fuoco per questo sono in azione con le idrovore per abbassare il livello dell’acqua nei sottopassaggi e i sommozzatori sono da questa notte alla ricerca dei dispersi.

Diverse le immagini che hanno fatto il giro del web del nubifragio che si è abbattuto su Palermo. Tra queste spiccano quelle di alcuni poliziotti che hanno salvato un padre e una figlia. Si tratta di 8 uomini provenienti dal IV Reparto Mobile di Napoli. I poliziotti hanno salvato le due persone che rischiavano di annegare all’interno della loro vettura in Via Crispi. Soltanto il loro tempestivo intervento ha permesso di evitare il peggio. Come raccontato a ‘TeleOne’ da Mariangela Rubino, studentessa in Medicina:

“Temevamo il peggio, l’acqua arrivava al finestrino. Provvidenziale è stato l’intervento di un furgone della Polizia che vedendoci in difficoltà ci ha prontamente raggiunto. Sono riusciti ad aprire il finestrino e a mettere in salvo me e mio padre. Non voglio pensare cosa sarebbe potuto succedere senza il loro tempestivo intervento. Grazie a tutti loro”.

Gli agenti erano a Palermo perché si stavano recando al Porto per imbarcarsi e fare ritorno a Napoli. Non erano in quel momento operativi ma si sono sentiti in dovere di aiutare chi era in pericolo salvando più vite. Come è di un poliziotto che salva un neonato la foto diventata virale in rete.

 

Potrebbe anche interessarti